LOGO ITALIADAGUSTARE mozzarellabufala125x60 parmigiano115x60 barcampari 115x60

Vino, consumi in aumento dell’8%. E il made in Italy piace all’estero

 

vino-calice

VINO, CONSUMI IN AUMENTO DELL’8%. E IL MADE IN ITALY PIACE ALL’ESTERO

Il marchio del made in Italy è famoso in tutto il mondo, dato che può vantare alcune tra le eccellenze più apprezzate del globo. Spesso, però, questo discorso distoglie la nostra attenzione dai consumi “casalinghi”, dunque dai numeri provenienti dagli acquisti entro i confini tricolori. E questo discorso riguarda prodotti come ad esempio il vino, che dimostra di godere dell’apprezzamento di italiani e non. Lo provano anche i numeri, che approfondiremo fra poco, e che ci daranno un chiaro esempio del periodo aureo attraversato da questo settore del made in Italy. Comunque non si parla certo di una novità, visto e considerato che il vino, dalle nostre parti, viene ritenuto da secoli come un prodotto che non deve mai mancare in dispensa.

Consumo dei vini in aumento nello Stivale

Come anticipato poco sopra, il successo del vino viene in primis testimoniato dai numeri tutti italiani. Stando agli studi condotti da OIV, è emerso un incremento in termini di consumi di vino in Italia, con un +8% negli ultimi cinque anni. È un valore che ha permesso al nostro paese di collocarsi in terza posizione nella classifica dei maggiori paesi per consumo di vino, con i suoi 22,6 milioni di ettolitri. Dunque sono numerose le persone che si sono recate al supermercato, o che hanno sfruttato canali di vendita di vini online come EasyCoop, ad esempio. Soltanto gli USA e la Francia si sono dimostrati superiori alle famiglie italiane, ma ciò non toglie un solo grammo all’importanza della medaglia di bronzo tricolore. In quanto ad incremento percentuale dei consumi, invece, il trend italiano è secondo solo a quello della Cina.

Il grande successo dei vini italiani all’estero

Anche il mercato internazionale pare essere d’accordo con i gusti e le preferenze dei cittadini tricolori, e lo dimostra attraverso l’alto numero di importazioni del vino nostrano. Stavolta i dati provengono dal recente report di Uiv, secondo il quale diversi paesi esteri hanno incrementato il numero di bottiglie acquistate dall’Italia. Si parla ad esempio degli USA, accaniti consumatori di vino, con un incremento del +5% di importazioni di etichette italiane. Bene anche la Svizzera, che ha aumentato le quote importate del +3%, e lo stesso dicasi per la Germania (+5% come gli USA). Non fa eccezione alla moda del made in Italy nemmeno l’Asia: le importazioni di vini tricolori in Cina hanno difatti registrato un altro +5%, un dato che conferma il periodo d’oro dei nostri prodotti.

Il vino italiano, in conclusione, piace sia ai cittadini italiani che all’estero. Tanto da diventare uno dei prodotti di punta per il prestigio del marchio made in Italy.

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Italia da Gustare