LOGO ITALIADAGUSTARE mozzarellabufala125x60 parmigiano115x60 barcampari 115x60

DI GAVI IN GAVI DIVENTA FESTIVAL!

Di Gavi in Gavi 01

DI GAVI IN GAVI DIVENTA FESTIVAL!

Tratto da:  

Milano 24orenews                   Roma 24orenews

Cover MI24 LugAgo 2019  Cover RM24 LugAgo 2019

È stata Antonella Clerici, amatissima conduttrice della tv italiana e grande appassionata di cucina a fare da ambassador alla denominazione del Gavi, una delle ”perle” della sua terra di adozione, per la prima edizione del Di Gavi in Gavi Festival che si è svolta dal 7 al 9 giugno. Tre giorni di festa attorno alla denominazione del Gavi DOCG, un tour esperienziale organizzato dal Consorzio Tutela del Gavi per conoscere e degustare il vino e il cibo e le specialità degli 11 comuni che costituiscono la zona di produzione del grande bianco piemontese, per esplorare il territorio sperimentando le proprie passioni.

Il Festival è innanzitutto un’importante attività di promozione del vino e del territorio, in cui la degustazione del Gavi Docg diventa l’opportunità per godersi quanto questo angolo di Piemonte, così vicino alla Liguria, offre in termini di turismo, di arte e cultura, di cibo. Gavi è un distretto vitivinicolo che integra arte, storia, enogastronomia, sport, shopping e produzioni artigianali di eccellenza, offrendo molteplici opportunità di turismo esperienziale: 3 Golf Club, resort e cantine pronte ad accogliere gli appassionati, l’oulet più grande d’Europa, l’area Archeologica di Libarna e le incontaminate Aree Protette dell’Appennino Piemontese che arriva fino a Genova.

Photo Gallery © Canio Romaniello

In apertura della manifestazione si è svolto il Premio Gavi “La Buona Italia”, che da 5 anni ha il compito di segnalare e riconoscere le ‘buone pratiche’ nella valorizzazione italiana e internazionale delle filiere enogastronomiche, quest’anno dedicato allo “Smart wine: ovvero l’innovazione digitale in ambito vitivinicolo”. L’introduzione dell’agricoltura di precisione, dell’Internet of things, in vigna, in cantina e nella distribuzione del vino, le app e le nuove tecnologie assicurano la tracciabilità del prodotto, maggiore attenzione all’ambiente e alla sostenibilità della intera produzione, che si traducono in più sicurezza per il consumatore. Il vincitore del Premio 2019 è Marchesi de Frescobaldi (FI), mentre le Menzioni Speciali sono andate per la “Smart Wine in Vigna” a Guido Berlucchi (BS), per la “Smart Wine Blockchain” a Cantina Placido Volpone (FG) e per la “Smart Wine nell’Accoglienza” a Marchesi Antinori (FI).

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Italia da Gustare