IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Passione e voglia di aiutare gli altri: ecco perché il 94% dei medici italiani è felice

In Italia psicoterapeuti, dentisti, ginecologici, nutrizionisti e psicologi sono gli specialisti più soddisfatti del proprio lavoro. La passione (41%) e la possibilità di aiutare gli altri (18%) sono i motivi principali di tale soddisfazione, seguiti dalla realizzazione personale (14%), il riconoscimento professionale (10%) e il contatto con le persone (8%);

Tra le condizioni meno soddisfacenti della professione i medici italiani annoverano salario e risorse non adeguate (rispettivamente 39% e 34%);

Salario non adeguato: il maggiore motivo di insoddisfazione dei medici in Brasile (62%), Polonia (55%) e Italia (46%).

mediciSi dice che la professione medica sia una vocazione e che la gioia di aiutare gli altri sia capace di compensare gli sforzi e i sacrifici quotidiani. Lo confermano i professionisti italiani, con ben il 94% dei medici del Bel Paese che si dichiara felice di svolgere il proprio lavoro e due terzi che addirittura consiglierebbe ai propri figli di intraprendere lo stesso percorso lavorativo. La motivazione principale? La passione.

In occasione della Giornata Internazionale della Felicità che ricorre il 20 marzo, MioDottore.ituna delle più grandi piattaforme al mondo dedicata alla sanità privata, specializzata nella prenotazione online di visite mediche – presenta i risultati della sua ricerca volta a scoprire il livello di felicità dei medici di differenti Paesi del mondo. In particolar modo, MioDottore.it ha voluto indagare quali categorie di specialisti sono le più felici in Italia, quali aspetti apprezzano maggiormente nella loro professione e quale è il loro grado di soddisfazione.

Chi sono gli specialisti più felici e perché?

Nel valutare la propria professione, cinque categorie mediche si distinguono in Italia come le più felici: psicoterapeuti, dentisti, ginecologici, nutrizionisti e psicologi. La passione e la possibilità di aiutare gli altri sono i motivi principali di tale soddisfazione (rispettivamente 41% e 18%), seguiti dalla realizzazione professionale (14%), il riconoscimento nel settore (10%) e il contatto con le persone (8%). In ogni caso, la maggior parte degli intervistati risulta soddisfatta della propria professione e dell’area di competenza, con l’81% che dichiara che avendo la possibilità di tornare indietro nel tempo sceglierebbe la stessa specializzazione.

I pazienti: un fattore chiave per la felicità dei medici

Ai medici italiani intervistati è stato anche chiesto di considerare quali fossero gli elementi della loro professione ad appagarli maggiormente. Senza dubbio al primo posto compare l’essere in grado di aiutare chi ha davvero bisogno di aiuto (68%) e ricevere gratitudine dai propri pazienti (44%). Altri aspetti apprezzati sono: il passaparola tra pazienti (39%), ricevere feedback positivi sui propri profili online (16%) e la fidelizzazione delle persone che negli anni continuano a rivolgersi allo stesso medico (14%).

Anche la felicità presenta degli ostacoli: salario e risorse non adeguate

Sebbene la buona valutazione che danno alla propria professione, ci sono condizioni che i medici e gli operatori sanitari italiani vorrebbero migliorare. Primo fra tutti il salario che non soddisfa più della metà degli intervistati (54%). Inoltre, il 34% degli specialisti di settore dichiara di non disporre delle risorse necessarie per svolgere il lavoro in maniera ottimale. Anche il basso riconoscimento professionale (28%) e la poca flessibilità di orario sul posto di lavoro (17%) sono aspetti che gli specialisti ritengono migliorabili.

Nonostante alcune difficoltà, la percezione che i medici italiani hanno del proprio lavoro non è così negativa: solo il 26% dichiara di sentirsi mentalmente e/o fisicamente esaurito sul lavoro, spesso a causa delle lungaggini burocratiche (51%), del salario non abbastanza elevato (36%) e dell’eccessivo numero di ore lavorative (24%).

Quanto sono felici i medici negli altri Paesi?

Gli specialisti sanitari più felici si trovano in Messico (con un livello di soddisfazione pari a 4,85 su 5, che rappresenta il livello massimo di soddisfazione), seguiti a ruota dai colleghi in Brasile (4,59) e Spagna (4,49) e dai dottori italiani (4,2) e polacchi (3,9). Se in Messico e in Italia la chiave della felicità dei dottori risiede nella passione per il proprio lavoro (rispettivamente 33% e 41%), in Brasile e Polonia conta maggiormente la realizzazione personale (33% e 27% rispettivamente).

Per quanto riguarda le condizioni lavorative migliorabili, tre paesi segnalano come primo punto il salario non adeguato: Brasile (62%), Polonia (55%) e Italia (46%). Mentre il Messico, anche registrando il maggior numero di medici soddisfatti del proprio stipendio (62%), è il paese che più lamenta la mancanza di risorse adeguate nel settore (31%).

La grande maggioranza di medici si trova d’accordo su un punto: consiglierebbero ai propri figli di dedicarsi al mondo della sanità, il Brasile in primo luogo con la percentuale più elevata (85%), poi la Spagna (84%), il Messico (75%) e l’Italia (66%), chiude infine la Polonia con il 60% degli intervistati che consiglierebbe la professione.

.............................................

MioDottore.it

MioDottore.it è una delle più grandi piattaforme al mondo dedicata alla sanità privata specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo internazionale DocPlanner. Arrivato in Italia nel novembre 2015, ha già registrato numeri record: quasi 18.000 dottori verificati, 2.000 dottori iscritti alla piattaforma. Sviluppa servizi simili in 20 paesi in tutto il mondo, tra cui Polonia, Spagna e Turchia. Attualmente ha un organico di oltre 260 persone. Ogni mese, più di 17 milioni di pazienti visitano il sito DocPlanner.com, accedendo a un database di oltre 5 milioni di medici e specialisti. 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Salute e Benessere