IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Iperidrosi: come combattere un'eccessiva sudorazione

Iperidrosi r2Iperidrosi

L'iperidrosi è una condizione che, spesso, può sfociare in una vera e propria malattia, che comporta un'eccessiva sudorazione anche in condizioni in cui non è giustificato sudare. In alcune tipologie di iperidrosi si associa anche un odore particolarmente sgradevole del sudore, che può mettere in seria difficoltà chi ne soffre fino a compromettere la sua vita sociale e relazionale, con tutte le conseguenze psicologiche del caso.

Cos'è l'iperidrosi e come si manifesta
Sudare è un fenomeno fisiologico normale ed, anzi, assolutamente benigno e salutare. Tramite la sudorazione il corpo umano regola la sua temperatura interna, tenendola sui costanti 36,5-37°. Inoltre, tramite il sudore, si espellono tossine dannose per l'organismo. Quando, però, la quantità di sudore prodotta è eccessiva sia per volume che per odore acre, si deve sospettare di soffrire di un disturbo che va indagato ed, eventualmente, contrastato e curato. Si parla di iperidrosi quando si suda copiosamente senza che ne esistano le condizioni giustificanti. Se in un ambiente non troppo caldo, senza compiere sforzi o sport e senza essere in uno stato di stress, ansia e paura, il sudore scende a gocce dalla fronte o le mani ed i piedi si bagnano, è un chiaro ed inequivocabile sintomo di iperidrosi ed è il caso di sottoporre il problema al medico di base.

I rimedi per contrastare l'iperidrosi
Nell'immediatezza, per risolvere il sintomo e poter godere della propria vita sociale e relazionale senza preoccupazioni, è sufficiente affidarsi ad un buon deodorante antitraspirante, ad esempio quelli a marchio Nivea, che asciugano, profumano ed hanno un effetto antibatterico che neutralizza gli odori. Dopodiché sarà necessario, con l'aiuto del medico, indagare la causa specifica dell'eccessiva sudorazione e, una volta individuata, seguire le prescrizioni del medico specialista endocrinologo, che è quello che si occupa di far fronte a tutte le patologie ormonali. Solitamente, un'iperidrosi ormonale si cura integrando gli ormoni carenti: i risultati si vedono già dopo pochi giorni di trattamento e, nella maggior parte dei casi, la patologia si risolve completamente senza ulteriori interventi.

Le possibili cause dell'iperidrosi
Nella maggior parte dei casi l'iperidrosi è causata da uno squilibrio ormonale. Questo può dipendere, appunto, da uno dei tre organi che regolano gli ormoni: ipofisi, tiroide oppure ovaie o testicoli. Per individuare dove risiede il problema basta un semplice esame del sangue che conteggi i valori di queste tre ghiandole e, una volta individuato lo squilibrio, lo si curerà, risolvendo così l'iperidrosi per sempre. Se, invece, le analisi non evidenziano nessuna causa ormonale, ma il problema persiste, allora, probabilmente, si tratta di un fattore legato ad altre cause: la prima imputata è, di solito, l'obesità. Seguono a ruota fattori puramente psicologici: ansia, stress, incapacità di gestire le emozioni o la rabbia. Solo in rarissimi casi l'iperidrosi è un sintomo di alcune rare malattie metaboliche ed è una cosa che interessa soprattutto i bambini in età di forte crescita, quindi entro i 10 anni. 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Salute e Benessere