IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Rapporto Osmed sulla spesa farmaceutica

osmed rapporto spesa farmaceutica

Rapporto Osmed sulla spesa farmaceutica

Nel 2018 si assiste per il quarto anno consecutivo al calo della spesa farmaceutica a carico del Servizio sanitario nazionale sul territorio. Ma mentre l’anno prima era crollata la quota di spesa per farmaci acquistati dalle Asl e distribuiti direttamente dalle farmacie ospedaliere (DD) o attraverso le farmacie territoriali (DPC), nel 2018 ha subito un calo più marcato la “convenzionata”. A moderare questo calo e a consentire un po’ di ossigeno, sono state le maggiori entrate in farmacia dovute alle spese dei privati cittadini.

Nel 2017, a fronte di un calo dell’1,4% di tutta la spesa – pubblica e privata – nelle farmacie territoriali, la quota di spesa territoriale affrontata dalle Regioni, comprensiva sia della spesa convenzionata sia di quella in distribuzione diretta e per conto di classe A, era diminuita del 6,5% scendendo a 12,9 milioni di euro. Ma il crollo aveva interessato per lo più DD e DPC (-13,7%), mentre la convenzionata netta era diminuita solo dell’1,7%. Nel 2018, a fronte di un calo dell’1% di tutta la spesa – pubblica e privata – in farmacia, la spesa per DD e DPC si contrae del 3,6% meno dell’anno prima, mentre del 4,2% è la contrazione della convenzionata. In lieve calo pure le confezioni dispensate, dello 0,7%. Sommando i due canali, DD e DPC, lo scorso anno la spesa diretta delle Regioni presso le industrie è stata pari a 8,2 miliardi di euro e ha costituito il 41,4% della spesa totale del Ssn. Nelle Regioni, si sale in percentuale al 49,3% in Umbria fino a scendere al 29% della Valle d’Aosta, ultima.
Per oltre tre quarti del valore (78,2%, pari a circa 6,3 miliardi di euro) sono stati Asl e ospedali a distribuire i farmaci acquistati a livello regionale, mentre la Dpc ha caratterizzato il 21,8% della spesa, poco meno di due miliardi di euro. Nella ripartizione tra DD e DPC pesano in modo molto forte le scelte politiche delle 21 Regioni e il Rapporto registra ampia variabilità tra una Regione e l’altra. Per esempio, la distribuzione diretta in percentuale ammonta a oltre il 90% della spesa dei farmaci erogati con canali alternativi in Abruzzo, ma qui bisogna considerare che la DPC è stata introdotta solo lo scorso anno. La minor incidenza della DD diretta si presenta in Calabria (63,7%), Lazio e Trentino (66,9%) dove sono più incisive le farmacie territoriali.

fonte: farmacista33

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Salute e Benessere