IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Maternità. Calo di desiderio? Risponde il sessuologo

Calo di desiderio sessualeLA RINASCITA DEL DESIDERIO ...di Roberto Bernorio

Dopo la nascita di un figlio il sesso entra facilmente in crisi. Questa fase mette a dura prova la coppia, con non pochi momenti di conflittualità e insoddisfazione. Tuttavia è assolutamente possibile tornare ad avere una vita sessuale equilibrata.

LETTERA

Buongiorno dottore, le scrivo per esporle un problema che mi sta mettendo in crisi. Ho 32 anni, una moglie mia coetanea, e una relazione che dura da 11 anni coronata sei mesi fa dalla nascita di un bellissimo bimbo. Purtroppo però da allora mia moglie si è totalmente raffreddata dal punto di vista sessuale. Ha scarso desiderio e quei pochi rapporti che ci sono li vive con assoluta passività. Sto cominciando a perdere la pazienza e i nostri litigi sono sempre più frequenti. Non vedo vie d’uscita. Cosa mi consiglia?

RISPONDE IL SESSUOLOGOIl desiderio sessuale subisce spesso delle significative inibizioni nel periodo che segue la nascita di un figlio. I motivi sono numerosi e complessi. Durante il periodo di allattamento esiste una componente biologica molto importante legata all’aumentata produzione da parte dell’ipofisi della prolattina. Questo ormone che stimola la produzione di latte nelle mammelle, parallelamente svolge la funzione di evitare l’inizio di una nuova gravidanza in un momento in cui l’organismo della donna è particolarmente ‘provato’ dal punto di vista metabolico. Per ottenere ciò, la prolattina diminuisce a livello delle strutture cerebrali il desiderio sessuale e riduce a livello ovarico la maturazione di cellule uovo fecondabili con la conseguente scomparsa del ciclo mestruale. Il disinteresse verso la sessualità trova inoltre a livello psicologico una causa nel cambio di ruolo da ‘donna amante’ a ‘donna madre’. Queste due identità entrano tra loro in conflitto subito dopo il parto e necessitano di tempo per potersi integrare con armonia. A tutto questo bisogna aggiungere il sovraccarico di fatica che la neo-mamma si trova a dover gestire per accudire un bimbo da lei totalmente dipendente, con tensioni legate al riconoscimento dei suoi bisogni che spesso sfociano in alterazioni del ritmo sonno-veglia. Quanto sta accadendo a tua moglie è in definitiva qualcosa di prevedibile. L’esperienza clinica insegna che dopo circa un anno dalla nascita di un bimbo la maggior parte delle coppie ricomincia a carburare dal punto di vista sessuale. Ti consiglio quindi di prolungare la tua pazienza e di condividere le reciproche preoccupazioni e difficoltà con la tua compagna, senza pretendere che sia ciò che in questo momento non riesce ad essere. Mettersi nei panni dell’altro è un saggio esercizio per aumentare la complicità necessaria a superare le insidiose crisi di coppia.

AISPA, CONSULENTI AL VOSTRO SERVIZIO

Dr. Roberto Bernorio

 

Dr. Roberto Bernorio
Specialista in Ginecologia

Psicoterapeuta
Sessuologo clinico
www.robertobernorio.it

LOGO AISPAA.I.S.P.A.

Associazione Italiana Sessuologia Psicologia Applicata

Presidente Prof. W. Pasini

Via Marostica 35, 20146 - Milano

www.aispa.it


 

 

 

 

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Salute e Benessere