IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Aggressività e passività nei rapporti sessuali ... di Roberto Bernorio

AGGRESSIVITÀ E PASSIVITÀ NEI RAPPORTI SESSUALI

aggressività passività rapporti sesso

Cover MI24 Aprile 2018

 

 

Tratto da "Milano 24orenews" - aprile 2018

 

Aggressività e passività nei rapporti sessuali assumono connotazioni maschili e femminili sia per motivi biologici che culturali.

LETTERA

Salve Dottor Bernorio,

leggo spesso la sua rubrica e così mi sono deciso a porle anch’io un quesito. La sessualità femminile è tradizionalmente vista come più remissiva, passiva e dolce di quella maschile; io sostengo che sia una questione naturale, la mia ragazza che sia una questione culturale. Dove sta il vero?

Piercarlo

RISPONDE IL SESSUOLOGO

Entrambi gli aspetti sono importanti. Dal punto di vista naturale gli ormoni androgeni producono un aumento dell’aggressività. Poiché tali ormoni sono presenti in alta concentrazione negli uomini, la sessualità maschile risulta connotata da una maggior carica aggressiva rispetto a quella femminile che a confronto sembra quindi più dolce e remissiva. Dal punto di vista culturale possiamo riscontrare dei ruoli rigidi stereotipati in cui ognuno è praticamente obbligato a recitare la sua parte per mantenere l’identità. Queste sono regole che ognuno di noi apprende fin da bambino anche giocando con giochi diversi, ad esempio. Il maschio viene educato all’azione, alla capacità di decidere, al contenimento dell’emotività; di conseguenza in campo sessuale viene delegato ad assumere un ruolo di tipo propositivo. Per opposto alle femmine viene scoraggiato l’utilizzo dell’intraprendenza nei confronti degli uomini onde evitare danni di immagine pubblica e condanne morali. Dal punto di vista strettamente sessuologico è importante sottolineare come ad esempio all’interno del rapporto coitale ci sia una visione dell’uomo attivo che penetra e della donna passiva che viene penetrata; la conseguenza più immediata di questo stereotipo è che l’uomo si sente responsabile del piacere della donna, ed ella resta in attesa di questo piacere come fosse un dono. Proviamo ad immaginare che sia la vagina ad abbracciare e a massaggiare attivamente il pene… la meccanica può sembrare la stessa, ma il significato intrinseco ne esce totalmente rivoluzionato.

Per concludere, caro Piercarlo, la verità sta ancora una volta nel mezzo; utilizzatela, magari, per migliorare la vostra intesa sessuale.

Dr. Roberto Bernorio

 

Dr. Roberto Bernorio
Specialista in Ginecologia

Psicoterapeuta
Sessuologo clinico
www.robertobernorio.it

LOGO AISPAA.I.S.P.A.

Associazione Italiana Sessuologia Psicologia Applicata

Presidente Prof. Willy Pasini

Via Marostica 35, 20146 - Milano

www.aispa.it


 

 

 

 

 

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

Salute e Benessere