IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Tonno in scatola: indagine di Greenpeace

Tonno-in-scatola1

Greenpeace pubblica la nuova classifica delle prime dieci marche di tonno in scatola in base alle loro prestazioni ambientali. Il risultato? Solo due ottengono la media

Cartellino rosso per la maggior parte dei produttori di tonno in scatola in base all’ultima indagine di Greenpeace sulla filiera francese. Dopo Italia la "classifica rompiscatole" di Greenpeace sulla sostenibilità delle scatolette di tonno arriva anche in Francia, dove "molti dei produttori più importanti sono compagnie note anche sul nostro mercato". Al di là delle etichette, Greenpeace ha inviato un questionario alle più grandi marche di tonno del mercato, con un peso delle vendite di circa il 75%. Le domande sono concentrati su diverse questioni: che specie di tonno sono stati catturati? Con quali tecniche? L'impegno contro la pesca illegale? ecc... In totale, la stragrande maggioranza di tonno in scatola venduto in Francia proviene da attività di pesca non sostenibili o perché specie sovrasfruttate o a causa di tecniche di pesca distruttive.
Delle nove società che hanno risposto, Greenpeace premia i marchi Eckmühl e Système U che forniscono tutte le informazioni in etichetta e offrono il prodotto più sostenibile. Questi due marchi sono forniti principalmente o totalmente di tonno pescato con il metodo selettivo, canna o troll, e usano il tonno dalle scorte in buone condizioni, come il tonnetto striato. Agli ultimi posti della classifica francese, afferma Greenpeace, "Petit Navire, marchio del colosso Mwb", che in Italia possiede il marchio Mareblu. Mentre in Italia e nel Regno Unito si era impegnato ad avere entro il 2016 nel 100% dei propri prodotti tonno sostenibile, in Francia non vi è ombra di tale impegno, e alcune delle flotte da cui arriva il tonno sono state coinvolte in episodi di pesca illegale". Secondo Greenpeace "non brilla neanche Bolton Alimentari, colosso italiano del tonno in scatola, proprietario del marchio Riomare" che in Francia "non ha rispettato l'impegno di avere entro il 2013 solo tonno sostenibile nel 45% dei propri prodotti" e quindi il suo marchio Saupiquet "scende nella classifica francese al settimo posto".
Mentre il tonno è una delle specie più pescate in tutto il mondo, questo produzione è una forma di pesca industriale che massimizza catture di tonno adulto e soprattutto genera un sacco di catture (piccoli tonni, squali, razze, tartarughe, ecc) inutili. Sulle specie di tonni catturati, "tonno pinna gialla in Atlantico, lo stock è sovrasfruttato, è ampiamente usato in lattine vendute in Francia. Il gruppo Leclerc, 10 ° marchio coinvolto in questa indagine, non ha dato una risposta.
Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, osserva come la grande distribuzione, che sul mercato inglese è stata la prima a offrire prodotti sostenibili, in Italia fa pochi passi avanti. Per esempio in Italia "solo il 6% dei prodotti Riomare trovati nei nostri supermercati è risultato con tonno pescato a canna. Carrefour e Conad non hanno ancora adottato precisi criteri di sostenibilità nella scelta del tonno e le loro scatolette sono tra le meno trasparenti. Le decisioni delle aziende possono davvero trasformare il mercato. È necessario impegnarsi a vendere solo tonno pescato in modo sostenibile, favorire il recupero degli stock evitando quelli a rischio e incentivare una migliore gestione della pesca. Alcuni marchi hanno dimostrato che cambiare è possibile.

Condividi
comments

Alimentazione