IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Commissione Europea: meno grassi trans nei cibi

grassi trans fat b

alimentazione in ostaggioALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie Cardiovascolari – Onlus si congratula con la Commissione Europea che ha oggi approvato quasi all’unanimità una risoluzione relativa all’utilizzo di grassi trans (TFAs) nell’industria alimentare.
Gli acidi grassi trans sono responsabili, insieme ad altri fattori di rischio (quali colesterolo, ipertensione, predisposizione famigliare e personale, diabete, obesità, abuso di sostanza stupefacenti o di fumo) delle malattie comunemente definite cardiovascolari, come l’infarto del miocardio, l’ictus cerebrale, le trombosi arterioso, l’aterosclerosi, la trombosi: queste costituiscono nel loro insieme la prima causa non solo di morte ma anche di grave invalidità in Europa. Il consumo di acidi grassi Trans è stato riconosciuto come causa diretta di un aumento del 25% degli infarti, in quanto causa responsabilità di queste molecole nel causare insorgenza e progressione rapida dell’aterosclerosi con le sue conseguenze cardiovascolari sopra elencate: per ogni 2% di aumento del consumo di queste sostanze si assiste a un aumento del 2% di casi di infarto! Per l’evidenza scientifica emersa dalle ricerche degli ultimi anni la Commissione Europea ha deciso di prendere provvedimenti per limitare l’utilizzo di queste sostanze nell’industria alimentare.
I grassi trans sono grassi idrogenati, presenti soprattutto in cibi di origine animale precotti o conservati e nei latticini trattati industrialmente.

Condividi
comments

Alimentazione