IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Oenanthe: mito a fior di pelle... di Francesca Bocchi

oenanthe crocata - farfalla

OENANTHE: MITO A FIOR DI PELLE

a cura di Francesca Bocchi

www.dottoressafrancoise.com

La leggenda narra che il riso sardonico nasce dall’espressione che risale alle antiche civiltà Elleniche dove gli anziani e gli ammalati venivano sacrificati e gettati da una rupe facendo loro ingerire prima una bevanda preparata con un’erba che cresce tutt’ora nelle zone paludose e interne della Sardegna. I condannati venivano colpiti da uno spasmo procurato da tale bevanda e affrontavano la loro pena con un riso beffardo come a voler esorcizzare la morte che veniva accettata non con il pianto ma con la gioia di salutare l’inizio di una nuova vita.

Maschere analoghe, che mimano il celebre riso sardonico, le troviamo in tutti i musei del mondo ed il fascino che suscita ha generato l’interesse e la curiosità di tanti studiosi.

È interessante sapere che il più antico uso dell’aggettivo sardonico lo troviamo nel libro ventesimo dell’Odissea, dove Omero racconta che uno dei pretendenti di Penelope, lanciò una zampa di bue contro Ulisse che si era introdotto nella sua reggia sotto le sembianze di un mendicante… Ulisse reagì in modo beffardo sorridendo.

Approfondimenti condotti dal prof Mauro Ballero insieme ad un’equipe di botanici, ha identificato le molecole responsabili di tale intossicazione. Questa scoperta ha suscitato particolare interesse per il suo possibile impiego in campo farmaceutico.

Il primo utilizzo di questa pianta, l’ONANTHE CROCATA, nel campo della medicina rigenerativa risale a qualche anno fa.

peeling biorivitalizzante

Nasce cosi un nuovo brevetto “OENANTHE” e si realizza il primo peeling biorivitalizzante trans-dermico, ad altissima efficacia che si realizza solo con il massaggio.

Il trattamento risulta piacevole e va ripetuto ogni quindici giorni per quattro volte.

L’effetto è straordinario, il prodotto realizzato con un’alta percentuale di estratto idroalcolico della pianta, svolge una rilevante attività per il rassodamento ed il miglioramento del cedimento dei contorni del viso, del collo e di altre parti del corpo. OENANTHE biorevitalizing peeling è stato realizzato come dispositivo di classe I in grado di rallentare gli effetti dell’invecchiamento cutaneo.

La formula a base di tintura madre di Oenanthe. olio di oliva ozonizzato, acido azelaico, acido piruvico, acido mandelico che in sinergia costituiscono il cocktail ideale per prevenire e rallentare i processi di degenerazione cutanea e non solo. Con la tecnica de massaggio nelle varie zone determina una distensione delle rughe con riduzione delle rughe superficiali e medio-superficiali ed un netto miglioramento della texture che appare sempre più compatta e luminosa. Vi è un miglioramento anche della untuosità della pelle e delle macchie solari, mentre nella parte inferiore del viso e del collo si evidenzia una notevole distensione delle pieghe, il cosiddetto “settimo difetto di Venere”. Le sostanze stimolano la produzione di collagene ed elastina, con un effetto tensore a livello del viso. Il trattamento termina con una maschera idratante con polvere di diamante che regala alla pelle lucentezza e morbidezza. L’applicazione è riuscita…il risultato è ottimo!

Condividi
comments

Bellezza