IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Sambuco: le proprietà per la nostra salute

sambucoIl Sambuco (o Sambucus Nigra) è una pianta familiare ma non tutti ne conoscono i benefici per la salute e il benessere. È un alberello dai fiori bianco-avorio che cresce nei boschi di montagna, nei parchi cittadini, ma anche sui terreni abbandonati, a ridosso di strade e aree urbane, sbucando qua e là dove trova spazio. Della pianta si sfrutta ogni parte, la corteccia, le radici, ma soprattutto il fiore, le foglie e dalle bacche si ricava un po’ di tutto. Dal punto di vista nutrizionale, il vegetale è ricco di vitamine A, B1, B2, B3, B5, B6 e C, a cui si aggiungono flavonoidi, tannini, triterpeni, glicosidi e zuccheri. Dai fiori si ricava un infuso noto per la sua capacità di aumentare la sudorazione corporea, favorendo l’eliminazione delle tossine e la contenzione della temperatura durante gli stati febbrili. I petali vengono impiegati in infusione per creare tisane contro i problemi delle vie respiratorie. Fiori e foglie possono essere adoperati anche per migliorare la circolazione sanguigna, soprattutto quella periferica, sia con l’assunzione orale che con impacchi localizzati per limitare la rottura dei capillari o per un rapido sollievo alle scottature. Sempre in impacco e sempre per le sue proprietà sulla circolazione, il sambuco è utile anche per lenire il dolore a gambe e articolazioni nelle donne, così come il gonfiore dovuto a una giornata sui tacchi o ad attività fisiche intense. Le bacche contengono carboidrati, fibre e sali minerali come il sodio, il potassio, il calcio, lo zinco e il magnesio. Il loro impiego è quasi strettamente legato al benessere dell’apparato digerente, grazie alla loro unica capacità di risolvere anche le più grave condizioni di stitichezza. Abbinate alla corteccia, le bacche di sambuco possono avere anche effetti diuretici utili per il benessere di reni e vescica, mentre in impacco aiutano a ridurre il gonfiore locale e a contenere gli eccessi di sebo. Anche in cucina il sambuco trova applicazioni frequenti. Con i suoi piccoli frutti neri si possono preparare sciroppi e conserve, ma per far questo bisogna utilizzare frutti completamente maturi, in quanto quelli che non lo sono contengono sostanze tossiche. I getti primaverili della pianta si consumano in insalata, mentre i fiori possono essere impanati con uova e quindi fritti. Nelle sere d’estate, quando ci sentiamo sopraffatti dalla calura, un bel bagno con qualche manciata di fiori e foglie nella vasca ci donerà rinfrescante sollievo e benessere. Concluso il bagno, un bel massaggio alle gambe con una spugna su cui siano stati posti i fiori macerati nell’acqua servirà a combattere la stanchezza estiva e a tonificare la pelle di tutto il corpo.

Condividi
comments