IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Nocciolo - pianta sacra

Corylus Contorta r

Molti giardini se ne adornano anche se pochi conoscono le sue proprietà curative. Infatti dalle sue gemme si estrae un vero e proprio "antibiotico naturale", utilissimo in questo periodo dell'anno. Il nome botanico del  - Corylus Avellana - deriva dal greco“corys” - ovvero casco - poiché questa è appunto la forma della foglia o brattea che racchiude la nocciola. Nel corso dei secoli sono state scoperte alcune interessanti proprietà della pianta: in particolare lʼolio di nocciole è stato usato per le bronchiti e a livello cutaneo per le artralgie. Il Nocciolo, uno degli alberi più comuni nei nostri boschi è un arbusto che può raggiungere alcuni metri di altezza, con numerosi fiori che si dipartono da un ceppo unico. La pianta è tra le sette piante magiche che deve essere presente in un giardino benefico e già gli antichi di varie culture lo utilizzavano e consideravano una pianta sacra. Il ramo del Nocciolo con attorcigliati due serpenti è il simbolo della Medicina. Nel Medio Evo era utilizzato per invocare il Demonio e stringere patti con le forze del male. Un ramo di Nocciolo, reciso da un coltello mai usato, serviva ai maghi per far parlare i morti o per evocare una persona scomparsa. In Germania si raccontava che, adoperando delle bacchette di Nocciolo, era possibile obbligare le streghe a restituire la fecondità ad animali e piante ai quali l'avevano tolta con i loro sortilegi.

noccioloPROPRIETÀ ED UTILIZZO

La corteccia, astringente e ricca di tannini, venne prescritta come febbrifugo nelle febbri intermittenti, mentre per uso esterno come cicatrizzante di ulcere, piaghe e ferite. Le foglie hanno proprietà depurative a anti diarroiche per uso interno, mentre esternamente vennero usate come astringenti dei dotti sebacei e sudorali, cicatrizzanti e antinfiammatorie. In forma di infuso o decotto a dosi di 15-30 grammi per un litro di acqua, sono un ottimo depurativo e cicatrizzante e danno buoni risultati nelle malattie della pelle. I fiori maschili (amenti) sono sudoriferi, antidiarroici e dimagranti. La medicina popolare usa l'infuso preparato con gli amenti maschili, raccolti al momento della fioritura, che è assai precoce precedendo la comparsa delle foglie, come diaforetico nella cura di affezioni febbrili, dell'apparato respiratorio e come antidiarroico.

Dr.ssa Giuseppina Lisa Manno

Condividi
comments