IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Cerfoglio: il “Fratellastro” del Prezzemolo

Cerfoglio

CERFOGLIO

Il “Fratellastro” del Prezzemolo

A cura di Marica De Bonis

È considerato da molti il fratello sconosciuto del prezzemolo. Quest’erba selvatica, infatti, si può usare in moltissime preparazioni gastronomiche come alternativa alla più famosa aromatica quando si vuole puntare su un sapore più delicato. Haanche un vago retrogusto di anice. Si accompagna bene anche a legumi come fagioli, fave e piselli, e può essere aggiunta a zuppe, minestre, carni bianche come pollo e coniglio o uova. In Francia lo usano frequentemente aggiunto ad omelette ed insalate. È importante aggiungere il cerfoglio solo a fine cottura, così che il gusto piacevole e le sue proprietà benefiche non si disperdano.

Proprietà curative

Oltre alla sua versatilità in campo gastronomico, il cerfoglio è una pianta officinale molto utilizzata in fitoterapia per le sue proprietà curative. È ricca di vitamina C, carotene di sali minerali, soprattutto ferro, calcio e magnesio e quindi benefica per la salute. Gli estratti secchi si trovano in erboristeria e parafarmacia, mentre l’acquisto di acquistati semi e piante va fatto solo in negozi specializzati e presso rivenditori garantiti. Di per sé, il consumo di cerfoglio non è associato ad alcun effetto indesiderato, ma è bene consultare sempre il proprio medico di fiducia, prima di farne uso. Ecco le principali proprietà.

Antisettiche: è indicato nelle affezioni dell’apparato respiratorio, come laringite e bronchite, in quanto riduce l’infiammazione e aiuta anche a calmare la tosse.

Depurative e colagoghe: in quanto favorisce l’eliminazione delle tossine e le funzionalità del fegato e della colecisti; risulta così benefico in caso di ittero e di coliche epatiche.

Diuretiche: che lo rendono indicato in caso di ritenzione idricae di edemi, di calcolosi renale, di gotta e di reumatismi.

Galattofughe: può venire utilizzato per fare impacchi sul seno, laddove sia necessario fermare la produzione lattea.

Lassative: agisce come un blando lassativo.

Lenitive e antinfiammatorie: sotto forma di cataplasmi, cura le emorroidi, infiammazioni della pelle, ulcere della pelle e geloni. Calma il prurito delle punture di insetti.È adatto anche in caso di occhi arrossati dagli agenti atmosferici o irritati.

Stomachiche: favorisce la secrezione gastrica e aiuta la digestione.

 

CURIOSITÀ

  • Le lumache sono ghiotte di cerfoglio. I contadini usano attirare le lumache mettendo del cerfoglio sui terreni, al fine di proteggere la semina.
  • Qualche foglia di cerfoglio nella dispensa della cucina aiuta a tenere lontane le formiche.
  • Gli antichi credevano che alcune foglie nel vino eliminassero la depressione e gli stati malinconici. Ne bevevano infatti una tazza per rallegrarsi e tornare di buon’umore. Sembra che il nome latino “Chaerophillum”, ovvero ‘foglia rallegrante’, derivi proprio da questo.

tratto da "Milano 24orenews" gennaio-febbraio 2019

Cover MI24 Gen-Feb 2019

Condividi
comments