IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Le proprietá benefiche dell'Aneto

"Perché non ci dovrebbero essere, oltre le anime che camminano, gridano, mangiano, anche anime che silenziosamente fioriscono e spandono odori?".

Gustav Theodor Fechner - fisico e filosofo

AnetoCon questo bel pensiero che condivido, inizia la nostra avventura nel mondo del benessere verde. Vi parlerò di alcune delle più semplici, comuni, odorose amiche che, schive e poco appariscenti, accompagnano silenziose la nostra esistenza di terrestri. Prestiamo loro attenzione ed accorgiamoci della loro presenza  benefica.  

Oggi vi parlerò dell’Aneto (Anethum graveolens L.)

Spesso confuso con il finocchio selvatico, lo si trova a volte nei prati ma a differenza del primo è graveolens, cioè ha un odore intenso e penetrante per cui viene popolarmente chiamato anche “finocchio bastardo”. Ama stare ben esposta al sole ed è facile da coltivare in giardino:  ha caratteristiche terapeutiche e culinarie che la rendono speciale. Si usano principalmente i suoi semi che, raccolti da luglio a settembre, si mettono a seccare e si conservano per l’inverno in barattoli o sacchetti.

Le sue proprietà

“Se vuoi che una donna resti incinta, purifica lei e l’utero: poi dalle da mangiare a digiuno dell’Aneto”

Ippocrate

Oggetto di numerose credenze e rimedi popolari, le proprietà dell'aneto sono molte, tanto che questa spezia è utilizzata sin dall'antichità come rimedio naturale per molti disturbi. Un testo inglese del XVII secolo gli attribuisce la biasimevole proprietà di rendere l’uomo casto e la donna piena di desiderio! 

Combatte l’insonnia, l’alitosi, la cellulite

L'aneto è carminativo (favorisce l'espulsione di gas da stomaco e intestino) e antispasmodico, per cui è perfetto in caso di coliche, crampi allo stomaco e singhiozzo. È inoltre un ottimo rimedio naturale contro l'alitosi. Le sue proprietà diuretiche e depurative lo rendono un grande alleato contro la cellulite poiché aiuta a eliminare le scorie, causa dell'accumulo di liquidi in eccesso. Bere un infuso di semi di aneto prima di coricarsi è un'ottima abitudine poiché questa pianta favorisce la digestione e combatte l'insonnia. Per tutta la  stagione fredda si usa per infusi esterni o si mette nell’acqua della vasca da bagno poiché è un ottimo antinfiammatorio per lesioni della cute. Altre proprietà dell'aneto sono quella di  stimolare la secrezione lattea delle nutrici e quella di curare e rigenerare le unghie: i semi frantumati o le foglie sono ottimi per preparare impacchi rinforzanti.

Accompagna molti piatti…

In cucina si usano sia le foglie fresche che i semi per insaporire salse, insalate, conserve, verdure, liquori e dolci. Molto usato nei paesi del Mediterraneo in ricette famose e nella pratica casalinga di quelle donne del Sud che, con il suo uso e  quello di tante altre piante odorose officinali, si prendono cura sommessamente della salute dei loro familiari, usando la loro “innata” conoscenza delle proprietà terapeutiche delle piante.  Se siete stati in Grecia in viaggio o in crociera tra le sue belle isole, sicuramente avrete assaggiato ed apprezzato una delle salse greche più famose e gustose in assoluto che è lo TZANTZIKI: accompagna praticamente ogni cibo, dalla carne al pesce ed è un componente essenziale del kebab turco.

La ricetta dello TZANTZIKI

Ingredienti

1 cetriolo, 1 bicchiere di yogurt greco, 1 cucchiaio di aneto tritato, ½ spicchio piccolo di aglio (se non lo digerite non mettetelo, la salsa non sarà la stessa ma sarà ugualmente buona), 2 cucchiai di olio extravergine, qualche goccia di aceto di vino e un pizzico di sale e pepe.

Preparazione

Sbucciate il cetriolo, privatelo dei semi e grattugiatelo. Spolverizzate leggermente di sale la poltiglietta ottenuta e lasciatela in un colino a perdere quell’acqua che sicuramente comprometterebbe la buona riuscita dello Tzatziki, dopodiché adoperatevi con carta assorbente da cucina per asciugare il più possibile il povero cetriolo disidratato. Unitelo allo yogurt assieme all’aglio sbucciato e ridotto in crema, all’aneto, all’olio e ad un pizzichino di sale e pepe. Mescolate con cura tutti gli ingredienti. Riempite una ciotolina con la salsa dece oratela con un ciuffetto di aneto, una sosta di un paio d’ore in frigorifero  e voilà, spalmata sul pane casereccio è una meraviglia!

Questa ricetta permetterà agli uomini che non sanno cucinare di fare un “figurone” con le loro compagne!   L’aglio, con le sue doti afrodisiache, farà il resto!

Lisa Manno

 

Condividi
comments