IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Le proprietà e i benifici della Mucuna Pruriens

MUCUNA  PRURIENS

 Proprietà, Benefici, Modo d’uso e Controindicazioni

MUCUNA  PRURIENS

La Mucuna pruriens usata da più di 3000 anni nella medicina Ayurvedica sta tornando in auge grazie agli studi fatti dalla comunità scientifica. Nell’antichità veniva usata per trattare morsi di serpente (applicata esternamente formando una pasta), disturbi intestinali, problemi sessuali, disturbi al sistema nervoso, artrite e l’umore malinconico. .Cresce nelle regioni tropicali e sub-tropicali dove viene usata anche come cibo dato che è ricca di proteine , acidi grassi essenziali (vitamina F) ed è molto digeribile. Oggi la ricerca scientifica ha confermato gli usi tradizionali e riconosce che tutte le parti della Mucuna pruriens possiedono preziose proprietà medicinali che sono state studiate in vari campi di applicazione date le sue proprietà anti-diabetiche, afrodisiache, anti-neoplastiche, anti-epilettiche, analgesiche, anti-infiammatorie e anti-microbiche. Ciò che rende unica la Mucuna Pruriens è il suo elevato contenuto di levodopa, un ormone precursore del neurotrasmettitore dopamina, che permette di ridurre notevolmente i tremori e gli spasmi di alcune malattie neurodegenerative come il Parkinson tanto da essere usato per questo scopo per migliaia di anni dalla medicina indiana.

Benefici della Mucuna pruriens

1. Migliora il sistema endocrino. Le sostanze nocive presenti nel cibo e contenute nella plastica, nei pesticidi e nei cosmetici interferiscono con gli ormoni provocando seri danni: negli uomini c’è un ingrossamento del seno e il deterioramento degli ormoni androgeni con conseguenze nella sessualità, peggioramento dell’umore e perdita dei capelli (ossidazione del testosterone); nelle donne c’è una maturazione precoce, amenorrea, dolori mestruali e problemi di fertilità. La Mucuna pruriens può aiutare a risolvere questi disturbi bilanciando il sistema ormonale. Nella medicina ayurvedica veniva usata per aumentare il numero di spermatozoi e la potenza maschile negli uomini e risolvere i problemi sessuali delle donne. Inoltre con il rafforzamento del sistema endocrino, ci troveremo con più energia, entusiasmo e vitalità.MUCUNA  PRURIENS pianta

2. Parkinson. Il morbo di Parkinson è parzialmente caratterizzato dalla diminuzione della produzione di dopamina nel cervello, un neurotrasmettitore molto importante per il suo funzionamento. Poiché la Mucuna pruriens influenza positivamente i livelli di dopamina, è stato una terapia ayurvedica per secoli per trattare i sintomi del Parkinson. Ricerche preliminari indicano che la forma naturale di levodopa contenuta nella Mucuna pruriens fornisce risultati equivalenti o addirittura migliori rispetto alla levodopa sintetica e senza gli effetti collaterali comuni di nausea, vomito, e convulsioni muscolari della forma sintetica. Infatti la levodopa è un precursore della dopamina.

3. Meditazione e sogni ludici. La Mucuna pruriens contiene molecole naturali particolari come la 5-HTP, serotonina e DMT che aiutano a calmare la mente e a stimolare vividi sogni lucidi.

4. Protegge e rafforza il cervello. La Mucuna pruriens ha una significativa azione antiossidante che lavora in tandem con la levodopa per promuovere la salute cerebrale. Quando L-dopa attraversa la barriera emato-encefalica, aiuta ad aumentare i livelli cerebrali di dopamina, un neurotrasmettitore essenziale associato con regolazione dell’umore e cognizione. La ricerca suggerisce anche che gli antiossidanti della Mucuna pruriens agiscono nel cervello eliminando il danno ossidativo dei radicali liberi. Studi hanno mostrato che la Mucuna pruriens protegge il cervello, mantenendo le funzioni cognitive e neurali di controllo, e stimola l’attività neurale.

MUCUNA  PRURIENS pomata5. Stress e Rilassamento. La tradizione Ayurvedica utilizza la Mucuna pruriens per promuovere positivamente la salute mentale e la risposta allo stress. Uno studio condotto su 120 uomini che hanno sofferto di stress psicologico ha riferito che la supplementazione con Mucuna pruriens ha significativamente ridotto lo stress. Da notare che molti dei soggetti dello studio avevano anche problemi di fertilità e la supplementazione si è mostrata anche in grado di promuovere la qualità dello sperma e il numero degli spermatozoi. I ricercatori hanno anche concluso che la Mucuna pruriens riattiva il sistema di difesa antiossidante, un meccanismo biologico essenziale necessario per mantenere l’omeostasi all’interno del corpo.

6. Facoltà intellettuali. La Mucuna pruriens ha una ricca storia di utilizzo per la promozione della salute mentale. La ricerca attuale supporta la sua applicazione tradizionale e mostra che migliora le funzioni cerebrali, aumenta la concentrazione e le prestazioni intellettuali. Ottima quindi per studenti e chi svolge attività dove è richiesto il pensiero razionale.

7. Diabete. Secondo diversi studi i semi della Mucuna pruriens usati alla dose di 500 mg per kg di peso è in grado di ridurre i livelli di glucosio nel sangue. Questi ed altri dati hanno dimostrato le sue proprietà antidiabetiche probabilmente dovute al suo contenuto di d-chiro-inositolo e galatto-derivati.

8. Insonnia e depressione. La presenza di serotonina e levodopa migliora il ciclo sonno-veglia favorendo il sonno profondo e il rilassamento. Inoltre una carenza di dopamina può essere la causa di disturbi depressivi, per questo la Mucuna pruriens stimolando la produzione di dopamina è utile anche per migliorare l’umore.

9. Ringiovanente. I radicali liberi che hanno uno o più elettroni spaiati sono prodotte durante il normale e patologico metabolismo cellulare ma vengono prodotti in misura molto maggiore a causa dello stress, tossine e invecchiamento. Gli antiossidanti proteggono dai danni causati dai radicali liberi ai tessuti, proteine e allo stesso DNA. L’intera pianta della Mucuna pruriens contiene grandi quantità di composti fenolici e glutatione che presentano un’elevata attività antiossidante di eliminazione dei radicali liberi.

10. Pelle. La pelle è uno dei principali obiettivi che viene attaccato dalle radiazioni UV, inquinamento delle città, fumo di sigaretta, stress e intolleranze alimentari. Diverse patologie della pelle, come la psoriasi, dermatiti e eczemi, sono legati a un aumento dello stress ossidativo e la produzione di radicali liberi. Recenti studi preliminari hanno dimostrato che l’applicazione topica della Mucuna pruriens può essere utile per migliorare molte condizioni della pelle anche se ulteriori ricerche sono necessarie.

Controindicazioni

La Mucuna pruriens è generalmente sicura e non mostra particolari effetti collaterali. Tuttavia dovrebbe essere evitata da chi assume farmaci per il diabete e per la pressione alta. Inoltre va evitata anche da chi soffre di melanoma, ulcera peptica e disturbi al fegato. Non ci sono studi particolari durante la gravidanza o allattamento da confermarne la sicurezza quindi consultare il proprio medico.

Modo d’uso

Riguardo la Mucuna pruriens in polvere si consiglia 1-2 cucchiaini da assumere da 1 a 3 volte al giorno. I primi giorni si comincia con una volta al giorno aumentando la dose in modo graduale.

Condividi
comments

Salute