IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Gravidanza: quali esami svolgere?

A cura di Sorgente Genetica.

test DNA fetale rSport, alimentazione specifica, esami medici: quanti sono gli accorgimenti che una mamma ha nei confronti del nascituro? La salute del bebè è importante e per questo è consigliabile sottoporsi ad una serie di test nel corso della gravidanza. Ce ne sono diversi e a volte può essere difficile capire quale sia quello più adatto alle proprie esigenze. Partiamo dai test di screening prenatale non invasivi come il Bi test, il Tri test e il test DNA fetale.

Grazie a questi test i genitori hanno la possibilità di sapere come sta il proprio bambino fin dalle prime settimane della gestazione. Ciascun esame può essere svolto in momenti diversi: quello a cui la mamma può sottoporsi già dalla 10ᵃ settimana di gravidanza è il test DNA fetale, a differenza del Bi test (tra l’11ᵃ e la 13ᵃ settimana) e il Tri test (tra la 15ᵃ e la 17ᵃ settimana).

Anche il tasso di affidabilità cambia da un esame all’altro. Diventa quanto mai importante scegliere il test prenatale invasivo più affidabile per evitare successivamente di dover ricorrere agli esami invasivi. Il tasso di affidabilità è misurato sulla percentuale di anomalie che vengono rilevate, ad esempio le trisomie, e il tasso di falsi positivi, o meglio i risultati dei test che dichiarano di aver rilevato un’anomalia che in realtà non c’è.

Il Bi test ha un tasso di affidabilità nella rilevazione della Trisomia 21 dell’85%¹ e un valore di falsi positivi che arriva sino al 5%.

Il Tri test invece ha un tasso di affidabilità del 60% con un valore di falsi positivi che arriva sino all’8%.

Il test del DNA fetale è l’esame con il tasso di affidabilità più alto nella rilevazione delle principali Trisomie, il 99,9%², e ha un valore di falsi positivi inferiore allo 0,3%.

Nel momento in cui i genitori ottengono un risultato positivo da un esame prenatale non invasivo, è necessario procedere con gli esami di diagnosi prenatale invasiva che possono confermare il risultato del test.

Per maggiori informazioni sui test DNA fetale: www.testprenataleaurora.it

Fonti

1. Medicina dell'età prenatale: Prevenzione, diagnosi e terapia dei difetti congeniti e delle principali patologie gravidiche ­ Di Antonio L. Borrelli,Domenico Arduini,Antonio Cardone,Valerio Ventrut

2. Poster Illumina ISPD_2014 Rev A

Condividi
comments

Salute