IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

"Combattere le malattie dell’invecchiamento": Roma 15 febbraio

Meeting

15 Febbraio 2017 ore 15:00

Centro Congressi Multimediale IFO

Roma - Via Fermo Ognibene 23

invecchiamento r

 

regina elena

Seminario del neurologo Claudio Franceschi all’Istituto Regina Elena. Geroscienza e malattie dell’invecchiamento sono i temi che tratterà Claudio Franceschi docente emerito all’Università di Bologna, in occasione dell’incontro del 15 Febbraio prossimo all’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena. Ha organizzato l’evento il chirurgo IRE Gianluca Grazi. La ricerca sull’invecchiamento ha fatto negli ultimi anni progressi straordinari poiché ha potuto avvalersi delle tecnologie ad alta dimensionalità, chiamate OMICHE, che consentono di misurare in campioni biologici provenienti da un singolo animale o una singola persona centinaia di migliaia di parametri. In questa nuova era tecnologica, la nuova Geroscienza sta facendo e farà sempre di più uso di strumenti di Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (Information and Communication Technology, ICT) e della robotica per l’assistenza e la riabilitazione agli anziani fragili e pazienti affetti da patologie diverse. Tutto ciò comporta e comporterà un cambiamento profondo a tutti i livelli della medicina sia terapeutica sia preventiva.

Nell’ultimo secolo – ha spiegato Claudio Franceschisono profondamente cambiate la nutrizione, l’igiene e la medicina, ma anche l’attività fisica e la scolarizzazione, e tutte queste variabili hanno avuto, e stanno avendo, un impatto fortissimo sulla longevità, ma anche sul tipo di malattie a cui andiamo soggetti. Fra queste dominano le malattie cronico-degenerative, quali malattie cardiovascolari, diabete, demenza, cancro, malattie croniche dell’apparato respiratorio e del rene. Le ricerche hanno ampiamente dimostrato che il maggiore fattore di rischio è proprio l’invecchiamento, combattendo il quale si può cercare di combattere queste patologie tutte insieme e non una alla volta.”

Condividi
comments

Salute