IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Rosolia in gravidanza: rischi e prevenzione

test prenatale non invasivo rid

A cura di Sorgente Genetica

Sebbene l'infanzia sia il periodo privilegiato per lo sviluppo delle malattie infettive, ci sono dei virus come il morbillo, la varicella, la rosolia, che colpiscono anche gli adulti. In particolare la rosolia, se contratta in gravidanza può provocare dei problemi al feto. Ecco perché è importante fare dei controlli specifici e sottoporsi, anche prima dell'insorgere della gravidanza, a un test prenatale non invasivo.

Il Rubivirus è il responsabile della rosolia. La trasmissione di questo virus avviene per via aerea, ovvero tramite colpi di tosse, emissione di saliva mentre si parla, starnuti. Normalmente la comparsa di un esantema annuncia la rosolia, attraverso una serie di piccole chiazze rosse simili a quelle del morbillo e possono presentarsi anche mal di testa, febbre e linfonodi ingrossati. L'incubazione del virus è di 15-20 giorni circa1, passati i quali compare l'esantema su viso e collo e poi sul resto del corpo. Spesso la rosolia passa inosservata perché i sintomi non sono evidenti2.

Se si contrae la rosolia durante la gestazione, il feto può sviluppare la sindrome da rosolia congenita. La gravità delle conseguenze per il feto aumenta se la gestante si ammala di rosolia nei primi tre mesi3: morte del feto, aborto spontaneo, malformazioni e altri difetti fetali. Secondo alcuni studi, il 62% dei bimbi affetti da rosolia in gravidanza sono stati colpiti da alterazioni congenite come problemi uditivi (47%), danni cardiaci (42%), danni visivi (42%), microcefalia (14%)4.

Le donne che stanno pianificando una gravidanza dovrebbero sottoporsi al Rubeotest, per verificare di essere immuni al Rubivirus. La rosolia non ha terapia, ma si può intraprendere un percorso di prevenzione facendo la vaccinazione. Il Rubeotest viene fatto regolarmente anche da quelle gestanti che non hanno anticorpi contro la rosolia.

Per stabilire quali esami prenatali invasivi e non invasivi fare è sempre bene chiedere consiglio al proprio ginecologo.

Per maggiori informazioni: www.testprenataleaurora.it

Fonti

  1. The New Harvard Guide to Women's Health - Di Karen J. Carlson,Stephanie A. Eisenstat,Terra Diane Ziporyn
  2. epicentro.iss.it
  3. CDC – Centers for Disease Control and Prevention
  4. Encyclopedia of Thoracic Surgery / Handbuch Der Thoraxchirurgie: Band / Volume 2: Spezieller Teil 1 / Special, Parte 1 - Ernst Derra, Springer Science & Business Media, 06 dic 2012
Condividi
comments

Salute