IPCmethod 115x60 logo Synlab  115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Tutte le novità dal Congresso Europeo di Cardiologia

 CONGRESSO EUROPEO DI CARDIOLOGIA

 “Ridurre zuccheri e carboidrati raffinati

I grassi fanno bene al cuore carboidrati raffinati”

CONGRESSO CARDIOLOGIA

In  Spagna a Barcellona in agosto si è tenuto  il più grande congresso europeo di cardiologia con oltre 500 conferenze di esperti e la discussione di 4500 studi che hanno contribuito all’avanzamento della cardiologia a livello mondiale. Uno dei temi più scottanti di questa edizione è stato proprio quello della riscoperta del ruolo benefico dei grassi nella salute cardiovascolare. I ricercatori hanno dimostrato che l’attuale linea guida di limitare i grassi totali sotto il 30 per cento dell’energia e i grassi saturi a meno del 10 per cento, può essere dannoso. Infatti le analisi hanno mostrato che una dieta ricca di carboidrati (ad alto indice glicemico) è associata a un maggior rischio di mortalità, mentre i grassi fanno bene: i grassi, sia saturi che insaturi, sono associati a un più basso rischio di mortalità. I Grassi fanno dimagrire, aumentano i muscoli, allungano la vita, perché la moderna demonizzazione dei grassi sia in realtà pericolosa per la salute e di come gli antichi facevano un abbondante uso di grassi soprattutto nel periodo invernale. Quello che ha convinto i ricercatori anche più chiusi è stato uno studio pubblic ato sulla rivista Lancet che ha coinvolto più di 135.000 persone in cinque continenti. I risultati hanno dimostrato che una dieta che include una moderata assunzione di grassi, frutta e verdura, e riduce notevolmente i livelli di carboidrati, è associata a un minore rischio di morte. Per essere specifici sul termine “moderato”, il rischio più basso di morte si è osservato in quelle persone che consumano tre o quattro porzioni (o un totale di 375 a 500 grammi) di frutta, verdura e legumi al giorno. Inoltre, contrariamente alla credenza popolare, il consumo di una quantità più elevata di grassi (circa il 35 per cento dell’energia) è associato ad un minore rischio di morte rispetto alle minori assunzioni. Tuttavia, una dieta ad alto contenuto di carboidrati (di oltre il 60 per cento dell’energia) è correlata a una maggiore mortalità, anche se non con il rischio di malattie cardiovascolari.  Questi sono i primi messaggi dei due studi pubblicati su Lancet, entrambi prodotti da uno studio globale condotto da ricercatori dell’Istituto di Ricerca sulla Popolazione (PHRI) della McMaster University e Hamilton Health Sciences a Hamilton, in Canada. I dati sono tratti dallo studio prospettico Prospective Urban Rural Epidemiology (PURE) che ha seguito più di 135.000 persone provenienti da 18 nazioni a basso reddito, medio reddito e ad alto reddito. Lo studio ha chiesto alle persone la loro dieta e li ha seguiti per una media di sette anni e mezzo. La ricerca ha scoperto che i grassi non sono associati a grandi malattie cardiovascolari, ed anzi un aumento del consumo di grassi è stato associato a una minore mortalità; questo è stato visto per tutti i principali tipi di grassi (grassi saturi, grassi polinsaturi e grassi mono saturi), con grassi saturi associati a un rischio di ictus inferiore. I grassi totali e i singoli tipi di grasso non sono stati associati con il rischio di attacchi di cuore o di morte a causa di malattie cardiovascolari. I ricercatori sottolineano che, anche se questo può sembrare sorprendente per alcuni, questi nuovi risultati sono coerenti con diversi studi osservazionali e trial randomizzati condotti nei paesi occidentali negli ultimi due decenni. dati sull’alimentazione sono stati confrontati con quelli relativi agli eventi e alla mortalità cardiovascolare: in totale 5796 decessi e 4784 eventi. I ricercatori hanno notato che gli individui ad alto consumo di carboidrati avevano una mortalità maggiore del 28 per cento, rispetto a quelli della classe con il più basso consumo di zuccheri, ma non un maggior rischio cardiovascolare. Viceversa, gli individui nella fascia alta del consumo di grassi mostravano una riduzione del 23 per cento del rischio di mortalità totale, ma anche una riduzione del 18 per cento del rischio di ictus e del 30 per cento del rischio di mortalità per cause non cardiovascolari. Ciascun tipo di grasso è stato associato alla riduzione del rischio di mortalità:

meno 14 per cento per i grassi saturi

meno 19 per cento per i grassi monoinsaturi

meno 29 per cento per quelli polinsaturi.

Una maggiore assunzione di grassi saturi era associata a una riduzione del 21 per cento del rischio di ictus. Il grande nuovo studio, visto nel contesto della maggior parte degli studi precedenti, mette in discussione le convinzioni convenzionali sui grassi e sui risultati clinici, dice Mahshid Dehghan, autore principale dello studio e investigatore presso il PHRI. “Una diminuzione dell’assunzione di grassi ha portato automaticamente ad un aumento del consumo di carboidrati e le nostre scoperte potrebbero spiegare perché alcune popolazioni come i sud asiatici, che non consumano molti grassi ma consumano molti carboidrati, hanno tassi di mortalità più elevati“, ha riferito. Dehghan ha sottolineato che le linee guida dietetiche si sono concentrate per decenni sulla riduzione del grasso totale fino al 30% del consumo giornaliero calorico e grassi saturi fino al 10% del consumo calorico. Questo si è basato sull’idea che la riduzione del grasso saturo dovrebbe ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, ma non ha tenuto conto di come il grasso saturo viene sostituito nella dieta. Ha aggiunto che le linee guida attuali sono state sviluppate circa quattro decenni fa utilizzando i dati di alcuni paesi occidentali dove il grasso era più del 40 per cento o il 45 per cento dell’approvazione calorica e l’assunzione di grassi saturi erano più del 20 per cento. Il loro consumo è ormai molto più basso in Nord America e in Europa (rispettivamente 31 e 11 per cento).  Il secondo documento dello studio PURE ha valutato il consumo di frutta, verdura e legumi e li ha riferiti a morti, malattie cardiache e infarti. Lo studio ha trovato che l’attuale assunzione di frutta, verdura e legumi globali è da tre a quattro porzioni al giorno, ma la maggior parte delle indicazioni alimentari consigliamo un minimo di cinque porzioni giornaliere. Dato che frutta e  verdura sono relativamente costose nella maggior parte dei paesi a medio-reddito e basso-reddito, tali livello di consumo non sono abbordabili per la maggior parte delle persone in molte regioni del mondo, come l’Asia meridionale, la Cina, l’Asia sudorientale e l’Africa. Il loro consumo è molto inferiore a quello dei paesi occidentali. “Il nostro studio ha trovato il rischio più basso di morte in coloro che consumavano tre o quattro porzioni o equivalenti a 375 a 500 grammi di frutta, verdura e legumi al giorno, con pochi vantaggi aggiuntivi per l’assunzione oltre tale quantità”, ha dichiarato Victoria Miller McMaster studente di dottorato e autore principale del giornale. “Inoltre, l’assunzione di frutta era fortemente associata a vantaggi rispetto alle verdure. “Lo studio PURE comprende popolazioni provenienti da regioni geografiche che non sono state studiate prima e la diversità delle popolazioni aumenta notevolmente la forza che questi alimenti riducono il rischio di malattie”.  Le ricerche precedenti hanno dimostrato che mangiare frutta, verdura e legumi diminuisce il rischio di malattie cardiovascolari e decessi, ma la maggior parte degli studi è stata condotta principalmente in Nord America e in Europa con poche altre parti del mondo. “L’assunzione di verdure crude era fortemente associata ad un minore rischio di morte rispetto all’assunzione di verdure cotte, ma le verdure crude sono raramente consumate nel Sud.

Condividi
comments

Salute