Ferdinando Asnaghi 230x120 Synlab 2020 115x60 omeopatia115x60 IEO ricettebenefibra115x60

Raccomandazione per la manipolazione delle forme farmaceutiche orali solide

Manipolare farmaci orali da Ministero raccomandazioni per dividere compresse

 

A cura di Ministero della Salute - D.G. della programmazione sanitaria

La manipolazione delle forme farmaceutiche orali solide, qualora si renda necessaria, causa errori in terapia se non correttamente gestita

Raccomandazione n. 19
La corretta somministrazione della terapia farmacologica costituisce requisito indispensabile per l’efficacia e la sicurezza delle cure anche quando si verificano situazioni nelle quali risulta impossibile utilizzare la formulazione integra delle forme farmaceutiche orali solide ed è necessario ricorrere alla loro manipolazione.  Occorre, pertanto, fornire indicazioni sull’argomento al fine di garantire qualità e sicurezza delle cure.
Ottobre 2019

PREMESSA

La corretta somministrazione dei farmaci costituisce requisito indispensabile per l’efficacia e la sicurezza della terapia. La via orale risulta essere molto diffusa in Ospedale e ancor più nelle Strutture Sanitarie del territorio e a domicilio del paziente.
Si possono verificare, tuttavia, particolari situazioni nelle quali non è possibile somministrare forme farmaceutiche orali solide integre, come nel caso di:
 pazienti disfagici adulti e pediatrici;
 pazienti pediatrici;
 pazienti anziani, pazienti prebisfagici, pazienti fragili, pazienti politrattati;
 pazienti in nutrizione enterale (ad esempio, tramite Sondino Naso Gastrico - SNG
o Gastrostomia Endoscopica Percutanea - PEG o Digiunostomia Endoscopica
Percutanea – PEJ);
 pazienti con ridotta compliance;
 necessità di avere un dosaggio non disponibile in commercio.
In tali circostanze, qualora non sia possibile utilizzare un medicinale di origine industriale oppure allestire un preparato magistrale, può rendersi necessario ricorrere alla manipolazione delle forme farmaceutiche orali solide.
Ai fini della presente Raccomandazione, per manipolazione si intende:
 la divisione di compresse;
 la triturazione/frantumazione/polverizzazione di compresse;
 l’apertura di capsule.
La manipolazione delle forme farmaceutiche orali solide, se non correttamente gestita, può causare instabilità del medicinale, effetti irritanti locali, errori in terapia compromettendo la sicurezza dei pazienti e degli operatori sanitari.
Sull’argomento Società scientifiche e Agenzie internazionali hanno pubblicato articoli evidenziando i rischi che la manipolazione di una forma farmaceutica orale solida comporta.
L’Institute for Safe Medication Practices (ISMP) ha compilato la lista “Do not crush list” dei farmaci (commercializzati negli USA) da non sottoporre a frantumazione, contenente indicazioni per soluzioni alternative ed eventuali avvertenze.

La Food and Drug Administration (FDA) ha elaborato il documento “Best Practices for Tablet Splitting” per sottolineare i rischi connessi alla manipolazione delle forme farmaceutiche orali ed evidenziare la necessità che la divisione delle compresse venga effettuata solo sotto la supervisione di un operatore sanitario.
Il National Health Service (NHS) ha pubblicato il documento, destinato ai pazienti, “Swallowing pills” riguardo a come comportarsi qualora si incontrassero difficoltà di assunzione e deglutizione della forma farmaceutica prescritta; inoltre, ha elaborato la linea guida sulla rottura/frantumazione delle compresse “Guidelines for breaking or crushing tablets” contenente le informazioni sulle valutazioni da effettuare prima della manipolazione di una forma farmaceutica.
In letteratura sono disponibili sia elenchi di farmaci che non possono essere sottoposti a manipolazione sia elenchi di farmaci che possono essere manipolati (ad esempio, le “Guidelines for tablet crushing and administration via enteral feeding tubes” del Colchester Hospital University sulla dispersione delle compresse frantumate e sulla scelta del veicolo appropriato per la somministrazione tramite sondino).
Recenti studi condotti nel nostro Paese hanno evidenziato come nelle Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) sia prassi consueta, non scevra da errori, manipolare compresse, spesso in aggiunta di cibo caldo o freddo, senza  provvedere, tra l’altro, alla pulizia dei tritapastiglie o dei mortai utilizzati.
E’ doveroso, pertanto, al fine di prevenire gli errori in terapia e garantire la qualità e la sicurezza delle cure, dare corrette informazioni sulla manipolazione delle forme farmaceutiche orali solide quando non sia possibile somministrarle integre e quando le attività di allestimento non siano effettuate dalla Farmacia.

 

fonte: Ministero della Salute 

Leggi/scarica l'articolo Raccomandazione n. 19 - Raccomandazione per la manipolazione delle forme farmaceutiche orali solide 

 

 

Salute