BAFF - BUSTO ARSIZIO FILM FESTIVAL coming soon_115x60 cenadelitto2 115x60 GuidaTV KOLOSSAL

LA TV CHE VINCE È QUELLA DELLA LEALTÀ!

55 passi nel sole - Al bano Romina

LA TV CHE VINCE È QUELLA DELLA LEALTÀ!

Canale5: Al Bano batte Adriano Celentano e Alessia Marcuzzi

di Luca Medici

La lealtà a quanto pare piace ai telespettatori, una caratteristica che in molti stanno riscoprendo grazie a una tv fatta bene e con il cuore. Essere sinceri trasmette sicurezza, soprattutto in un mondo, quello televisivo, dove troppo spesso ci hanno abituato a comportamenti esagerati. A volte si ha la sensazione di vedere personaggi finti, costruiti, al limite della normalità. Voglio analizzare tre casi andati in onda sulla rete ammiraglia Mediaset, Canale5, che ha saputo osare, ma con risultati molto differenti. Vediamo nel dettaglio: lunedì 21 gennaio, dopo un battage mediatico particolarmente martellante, è andata in onda la prima puntata di “Adrian”, la serie evento in nove puntate ideata da Adriano Celentano, in onda in prima serata anche martedì 22 e nuovamente lunedì 28, dove, i tre minuti di silenzio del molleggiato (nella seconda puntata), pare non siano proprio piaciuti ai telespettatori.

ADRIAN

L’alter ego di Celentano è un eroe a fumetti burbero e palestrato che tenta di portare avanti i temi da sempre cari ad Adriano, la politica, la lotta al consumismo e l’ambiente. Un cartoon che porta la firma del grande disegnatore Milo Manara, il premio Oscar Nicola Piovani (per le musiche) e lo scrittore Alessandro Baricco. Una serie d’animazione che ha coinvolto persone capaci, che è costata svariati milioni di euro e che ha avuto una gestazione di oltre nove anni prima di comparire sul piccolo schermo, insomma tanta spesa, ma poca resa. Il cartoon, durante la prima puntata ha ottenuto uno share del 19,08% con 4.544.000 telespettatori, subito scesi però in occasione della seconda puntata a 2.887.000 pari al 13,26%. Con la terza puntata, quella del 28 gennaio, lo share è precipitato al 10,56% con appena 2.038.000 telespettatori. Un’emorragia di ascolti che non lascia spazio a dubbi, ma soprattutto un risultato deludente se teniamo conto di quanto impegno è stato profuso per realizzare questa serie, forse troppo “difficile”, chiacchierata e attesa. Avete presente quando i bambini attendono Babbo Natale tutto l’anno per aprire il regalo tanto desiderato, ma poi rimangono delusi… ecco, l’aspettativa è stata alta, la sorpresa scarsa. Un mix radical chic tanto amato da Celentano, ma che evidentemente non ha saputo fare breccia nei cuori del pubblico.

55 passi nel sole - Al bano Romina Power Lino Banfi

Giriamo pagina, una pagina ben più felice, quella dell’inossidabile Albano Carrisi, uno dei cantanti più amati d’Italia e nel mondo. La sua voce ha un timbro unico, potente e melodico, la sua storia fa sognare ancora oggi, la sua vita è stata costellata da momenti tristi, ma anche da tanti successi. Con “55 passi nel sole”, due puntate andate in onda su Canale5 il 23 e il 30 gennaio, Al Bano ha ripercorso 55 anni della sua splendida carriera, ma non è stato solo, infatti si è mobilitata tutta la famiglia. Al suo fianco Romina Power, ancora oggi in splendida forma, accompagnata dai figli Yari, Romina e Cristel Carrisi, che ha condotto le puntate. Cosa dire, difficile riassumere tanta emozione, sì, perché la famiglia di Al Bano ha saputo trasmettere al pubblico emozioni a non finire, qualche lacrima (dedicando una poesia alla figlia scomparsa Ylenia), tanta felicità e molta bella musica, la stessa che ha reso molto amato Al Bano in questi 55 anni di carriera. Si è detto molto di Al Bano ultimamente, ma lui ha saputo rassicurare tutti: “sono tornato, e voglio rimanere qui ancora per molto!”. I duetti con Romina sono stati unici, il sodalizio di amore sembra non essersi mai fermato, la loro intesa è ancora forte e arriva al pubblico dritta allo stomaco, percorrendo tutto il corpo in un brivido veloce, ma intenso. I figli sono stati una presenza importante in questo show, ma non solo, abbiamo visto una quantità impressionante di ospiti che hanno saputo creare momenti irripetibili, ricordando momenti importanti della vita professionale di Al Bano. Elencarli tutti è impossibile, mi limito a citare Pippo Baudo (bellissimo il momento in cui è stato ricreato un periodo del Festival di Sanremo con Toto Cutugno, I Ricchi e Poveri e Pupo), J-Ax, Alex Britti, Beppe Fiorello, Lino Banfi, Michele Placido e Orietta Berti. Uno show veramente ben fatto, prodotto da EndemolShine Italy, con una regia magistrale, ma anche l’orchestra, il corpo di ballo, le luci, il suono, la scenografia… insomma tutto ha avuto un bel ritmo, mai un momento di noia, ma soprattutto è andata in onda la vera vita di Al Bano, senza aggiungere e senza togliere nulla, la sola, semplice vita di un grande uomo. Questo ingrediente pare sia stato recepito molto bene dal pubblico, che ha saputo premiare questo show con ascolti degni di nota: la puntata del 23 gennaio, con uno share del 18,31%, ha totalizzato 3.368.000 telespettatori mentre la seconda puntata, pur scontrandosi con la partita di Coppa Italia che vedeva fronteggiarsi Juventus e Atalanta con la inattesa vittoria di quest’ultima, ha realizzato un eccellente share del 16,06 % totalizzando 3.048.000 telespettatori. Valori perfettamente in linea, se non superiori, allo share di rete richiesto per un evento di questo genere. Già si vocifera di possibili nuove serate dedicate ad altri cantanti!

Alessia Marcuzzi Isola dei Famosi r

Infine passiamo alla terza serata evento che è stata tenuta a battesimo sempre su Canale5, stiamo parlando della prima serata di giovedì 24 gennaio con “L’Isola dei Famosi”, il reality condotto da Alessia Marcuzzi, chiamata ironicamente “la svicolona” da Striscia la Notizia per lo scandalo “della canna fumata da Francesco Monte”, ribattezzato successivamente “cannagate”, che ha suscitato molte polemiche nell’edizione del 2018 dove la conduttrice si è più volte tirata la zappa sui piedi da sola tentando, in maniera piuttosto impacciata, di celare un evidente disagio per aver “ospitato” nel suo programma un atteggiamento (raccontato da Eva Henger) poco adatto ad una trasmissione televisiva vista da milioni di persone e che viene trasmessa in prima serata. Il reality dei “quasi tutti famosi”, vip più o meno affermati che affrontano le sfide sull’isola più conosciuta della tv italiana, non è partita con il piede giusto. Infatti mentre l’edizione 2018 aveva aperto le danze con uno share pari al 25,47%, la prima puntata dell’edizione 2019 si è dovuta accontentare di un 18,27%. Le cose sono addirittura peggiorate, gli ascolti della seconda serata, andata in onda giovedì 31 gennaio, sono crollati al 13,28% (2.405.000 telespettatori) facendo perdere un ulteriore 5% di share. I 16 concorrenti che si sono recati in Honduras, saranno in grado di recuperare l’interesse dei telespettatori? Alessia Marcuzzi, alla sua quinta edizione, saprà riconquistare il suo pubblico? L’isola è fatica, ma è anche un sogno per molti, bisogna trasmettere la verità di ciò che succede, non serve nascondere le debolezze oppure comportamenti poco educativi, molto meglio trasmettere delle lezioni di vita. Anche un reality può insegnare, l’importante è comunicare al pubblico concetti chiari e non costruiti a tavolino; se il pubblico si sente preso in giro poi è difficile che si affezioni ad una trasmissione.

Insomma, tirando le somme pare che la lezione sia fin troppo chiara, da questa gara di prime serate, la vera vincitrice è la tv fatta con amore, facile da seguire, spensierata e mai esagerata, quella andata in onda il 23 e il 30 gennaio con i “55 passi nel sole” di Al Bano: è la tv che piace, perché uno spettacolo fatto bene, resta nel cuore!

55 passi nel sole - Al bano Romina

Condividi
comments
  • Menabrea_2
  • Menabrea_1

TV