24orenews Web E Magazine

 
 

È stato scoperto un pianeta simile alla terra al di fuori del sistema solare e che potrebbe ospitare forme di vita. Lontano dal nostro sistema 20,3 anni luce è il primo pianeta più simile alla Terra mai individuato. Il pianeta si chiama Gliese 581 g, si trova nel primo settore all’interno della costellazione della Bilancia ed è stato scoperto da astronomi dell’Università di California a Santa Cruz e del Carnegie Institution di Washington.

  

 

Si tratta del primo caso di un pianeta extrasolare di tipo terrestre potenzialmente abitabile. La scoperta, pubblicata sulla rivista Astrophysical Journal, è stata realizzata da un team di astronomi dell’Università di California a Santa Cruz e del Carnegie Institution di Washington in seguito a undici anni di osservazioni e rilevamenti al Keck ObservatoryHawaii. Il fatto interessante è che il pianeta ha una superficie rocciosa ed una gravità tale da possedere una atmosfera. Ha circa tre-quattro volte la massa terrestre e orbita, con un periodo di 36,6 giorni, attorno ad un stella nana rosa, Gliese 581, a una distanza dove riceve la giusta energia per sostenere eventuale acqua allo stato liquido sulla superficie.
   

 “Il sistema solare intorno a cui ruota il nuovo pianeta ha una somiglianza inquietante a quello del nostro Sole.”, ha dichiarato Steven Vogt dell’ Università di California, Santa Cruz, che ha annunciato la notizia con il collega Paul Butler della Carnegie Institution a Washington, DC, sede della National Science Foundation, che ha finanziato la ricerca.
   

La presenza di acqua e di atmosfera sono considerati i due fattori più importanti, anche se non unici, per l’abitabilità. Gliese 581 g dista 20 anni luce (circa 192.000.000 milioni km) dalla Terra, ha l’atmosfera e un raggio stimato fra 1,2 e 1,5 raggi terrestri ed è molto simile al nostro pianeta. Ma il pianeta Gliese ha anche una particolarità: non ruota su se stesso, mostra sempre la stessa faccia alla sua stella, in modo tale che una parte è sempre calda e illuminata (è sempre giorno) e l’altra è sempre fredda e buia (è sempre notte). La linea che separa le due metà si chiama terminatore e in corrispondenza di questa linea la temperatura è tra i -12 e i -31°C.
    

 “Gliese 581 g rientra nelle cosiddette Superterre, pianeti simili al nostro anche se la loro struttura potrebbe essere diversa.”, commenta Raffaele Gratton, astronomo dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Padova. “ Non significa che ci siano forme di vita, ma che ci sono le condizioni di base perchè si sviluppino. E in questo senso, è il miglior candidato a pianeta abitabile trovato sinora”.
     

Gli astronomi hanno trovato centinaia di pianeti in orbita attorno ad altre stelle negli ultimi dieci anni, ma tutti troppo distanti, dove l’acqua sarebbe ghiaccio solido o troppo vicini, con l’acqua che bollirebbe. Gliese 581 g possiede le giuste condizioni per far si che possa esistere la vita.

 

 

 

Fonte:alternativasostenibile.it