Ernesto Gismondi

A cura di Luca Medici
www.my-home.bizLuca Medici

All’età di 89 anni è mancato, un mese fa, Ernesto Gismondi.
Così è cominciato questo nuovo anno, con la perdita di un grande designer, ma non solo, oserei dire “di un grande visionario”.
Il fondatore e presidente di Artemide Group – una delle più conosciute aziende nel settore dell’illuminazione – pluripremiato a livello internazionale, è stato tra i grandi protagonisti del Made in Italy nel mondo per il design.
Milano negli anni ’60 ha accolto la sua immensa creatività, nato a Sanremo nel 1931, dopo la laurea in Ingegneria Aereonautica al Politecnico di Milano, fonda nel ’59 con il designer Sergio Mazza lo Studio Artemide sas dal quale si svilupperà il Gruppo Artemide. La sua grande capacità di creare oggetti innovativi gli è valso importanti riconoscimenti quali il Premio Compasso d’Oro alla Carriera (1994) e l’European Design Prize (1997), ma non solo. Nel 2008 ha ricevuto il premio Ernst & Young “L’Imprenditore dell’Anno 2008” per la categoria Innovation, oltre alla prestigiosa nomina a Cavaliere del Lavoro conferita dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Nel 2009 invece ha ricevuto il Premio Ernst & Young “L’Imprenditore dell’Anno 2009” per la categoria Comunication. Il suo primo premio arrivò già nel 1967: il prestigioso Compasso d’Oro per la lampada ‘Eclisse’, disegnata da Vico Magistretti.
A questo premio ne seguono poi molti altri, a livello nazionale e internazionale, rendendo Artemide una delle aziende simbolo nel settore delle lampade di design. L’azienda ha vinto in seguito altre tre volte il Premio Compasso d’oro: nel 1989 per lampada ‘Tolomeo’ di Michele De Lucchi e Giancarlo Fassina; nel 2004 per l’applique ‘Pipe’ di Herzog & De Meuron, nel 2014 per lampade ‘In-Ei’ Collection’ di Issey Miyake.
Ernesto Gismondi Design

In particolare la lampada Tolomeo è tra i prodotti che hanno contribuito a rendere famosa l’azienda diventando una vera icona evergreen del design italiano. Progettata nel 1986 da De Lucchi e Fassina, la lampada Tolomeo è stata realizzata in diversi modelli, tutti caratterizzati da un innovativo meccanismo di sospensione che rappresentano un’evoluzione delle tradizionali molle già impiegate sulle lampade a braccio.
Altra celebre lampada è ‘Nesso’ disegnata da Giancarlo Mattioli nel 1965. Una carriera formidabile che senza dubbio ha regalato al mondo del design una storia da ricordare, da prendere come esempio, fatta di passione, amore e fantasia, la stessa che ha sempre saputo abbinare alle sue idee e alle sue intuizioni, creando di fatto oggetti dal design unico e riconoscibile che resteranno per sempre a ricordo della sua visione straordinaria del design abbinato alla luce.

tratto da:
Milano 24orenews Febbraio 2021

Banner MI24 Febbraio 2021

e da
Roma 24orenews Febbraio 2021
RM24 FEB2021 Cover r