24orenews marzo22 MERCEDES EQB

A cura di Luca Medici
luca@my-home.bizLuca Medici

La versione elettrica della GLB è una Suv comoda, spaziosa e con ben sette posti. Salendo a bordo si resta colpiti dallo spazio a disposizione, gli Ingegneri di Stoccarda hanno sfruttato bene lo spazio interno creando un ambiente generoso, adatto a lunghi spostamenti con tutta la famiglia. Con una lunghezza di 468 cm questa versione elettrica gode di un bagagliaio generoso, 470 litri a disposizione che però si riducono drasticamente nel caso venga utilizzata la terza fila di sedili, optional a € 1.000 e adatta a persone alte non più di 165 cm. Va detto però che abbattendo la terza e la seconda fila di sedili il volume di carico raggiunge i 1.710 litri. La linea della carrozzeria, soprattutto vista lateralmente, non è bellissima, è abbastanza massiccia, ma questo è dovuto al padiglione alto, soprattutto nella zona del bagagliaio, per consentire l’inserimento della terza fila di sedili e dare spazio agli occupanti. Il frontale è bello, sportivo e i fanali sono ben raccordati al design della mascherina in nero lucido dove al centro campeggia la stella a tre punte, di dimensioni piuttosto generose. La cosa che mi convince di meno è il posteriore. La moda della linea luminosa a Led che unisce i gruppi ottici (presente purtroppo anche sopra la mascherina frontale), in stile Lexus UX, si poteva evitare, va bene che adesso la moda prevede questa soluzione, ma dalla Mercedes ci si poteva attendere una soluzione più personale. Gli interni, curati in ogni dettaglio, soffrono di una certa personalità, a mio avviso troppo spiccata e a volte decisamente poco adatta al blasone. Bocchette circolari, finiture in nero lucido, volante affollato di pulsanti, strip Led ovunque e lo schermo touch da 10,25 pollici creano un’ambiente “effetto discoteca”. Ben inteso, tutto è realizzato con cura e l’illuminazione a Led si può modificare, creando un effetto più soft, ma nel complesso il design risulta sempre troppo pretenzioso. A differenza del volante, la plancia risulta poco affollata di tasti, tutte le funzioni sono gestite dal sistema Mbux. La trazione integrale, l’head-up-display a colori, la realtà aumentata del navigatore e il trackpad sul tunnel rendono la vita a bordo facile e comoda, adatta a percorsi cittadini, ma anche a gite fuori porta. Con circa 420 km di autonomia, un pieno alle comuni colonnine in meno di 6 ore (a quelle veloci bastano 32 minuti per passare dal 10 all’80%) e una batteria agli ioni di litio da 66,5 kWh ben nascosta sotto il pianale, questa EQB scivola silenziosa nel traffico ed è in grado di regalare viaggi caratterizzati dal silenzio e dalla sicurezza tipica del brand. La EQB parte da € 58.130 per la versione 300 4Matic Sport (228 cavalli) fino ad arrivare a € 66.450 per la versione 350 4Matic Premium Plus da 292 cavalli. Un’ultima cosa, l’autonomia non è eccezionale e risente molto dello stile di guida però la EQB conta su un sistema che, in tempo reale, analizza con precisione la topografia del percorso, lo stile di guida e le condizioni meteo così da ottimizzare la resa dell’accumulatore e reagire in modo dinamico a tutte queste variabili, addirittura portando alla temperatura ideale il pacco batteria, riducendo così i tempi di ricarica.

tratto da
24orenews.it Magazine Marzo 2022

COVER 24orenews.it Magazine Marzo 2022

Articolo precedenteA proposito di fallimenti
Articolo successivo8 Marzo: l’occasione per vivere avventure al femminile indimenticabili