Venezia Festival Cinema 2022

CAMPARI Passione e CoraggioCampari Venezia79 Claudio Santamaria 3

Campari Venezia79 Claudio Santamaria 3

 in Campari Lounge: Claudio Santamaria

Campari Venezia 79 Boat In Cinema Render 2022
Campari Venezia 79 Boat In Cinema Render 2022

Al via il secondo appuntamento del palinsesto firmato Campari in occasione di Biennale Cinema 2022, con uno dei volti più affermati del panorama cinematografico italiano. 

Un esclusivo incontro all’interno della Campari Lounge, a cui hanno assistito le giovani promesse del cinema italiano parte del progetto Generazione DO di Mymovies. 

Venezia sabato 3 settembre, la Campari Lounge ha ospitato l’attore Claudio Santamaria, protagonista dell’evento firmato Campari in occasione della 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica – La Biennale di Venezia – di cui il Campari è Main Sponsor per il quinto anno consecutivo. Questo è il secondo dei tanti appuntamenti promossi dal brand, che venerdì ha visto sul palco anche la madrina di questa edizione della Mostra, l’attrice Rocío Muñoz Morales.

Nel corso del pomeriggio, l’artista si è esibito in un emozionante monologo, dove protagonista assoluta è stata la Passione, “quella combustione che crea magia”. “Il mio primo insegnante mi spiegò che recitare non è solo saper ripetere le battute a memoria” – ha raccontato Claudio Santamaria “essere attori significa avere coraggio: il coraggio di farsi attraversare fino in fondo dalle passioni che spingono un personaggio a compiere imprese impossibili e gesti folli. Così, ho perseguitato ogni mia passione grattando via ogni distrazione e lasciando sopravvivere solo il fuoco”.

Campari Venezia 79 Campari Lounge

L’evento è proseguito con un interessante talk condotto da Francesca Barra, scrittrice, giornalista e conduttrice, nonché moglie dell’artista, insieme agli attori emergenti di Generazione DO, il progetto avviato dal produttore cinematografico Daniele Orazi e dedicato alle promesse del cinema italiano. Durante questo momento unico, l’attore romano ha avuto modo di parlare di sé e di raccontare alcuni aneddoti legati al proprio percorso professionale, favorendo il dialogo con i giovani talenti. Nel corso dell’intervento, grande attenzione è stata riservata alla Passione, quell’elemento fondamentale nella professione di attore e in grado di generare potenza e creatività.

Tra le tematiche trattate, l’invito a non scoraggiarsi e a perseguire i propri sogni, essere costanti e perseverare. Il mestiere dell’attore è infatti un lavoro che richiede dedizione costante e un bisogno continuo di riscoprire sé stessi, con la voglia di innovarsi. È una perenne osservazione per trarre ispirazione, uno studio incessante volto al miglioramento. “Siate ambiziosi e non vergognatevene: è necessario essere disposti a tutto per realizzare i propri sogni” – è l’invito di Claudio Santamaria.

Campari Venezia79 Claudio Santamaria 5
Campari Venezia79 Claudio Santamaria

Il progetto Generazione DO nasce dalla collaborazione tra la Talents Agency DO Consulting & Production e il sito e piattaforma di cinema Mymovies, che, insieme, promuovono gli attori under 30 parte dell’agenzia, guidata dal produttore cinematografico Daniele Orazi. Ventidue gli artisti che hanno assistito e partecipato all’evento: Alessandro Amico, Maria Anolfo, Matteo Bassi, Alice Bianco, Sofia Capo, Giulio Cavazzini, Federica Cinque, Leo Ferrari, Ian Gualdan, Cesare Hary, Anna Iodice, Pietro Lancello, Dante Perrel, Martina Piraino, Simone Poccia, Paolo Rovere, Alice Sellan, Sarah Short, Marco Tié, Leo Venturi, Vittoria Spaccapietra e Chiara Merulla.

Quest’anno le iniziative ed eventi che animano gli eventi firmati Campari portano in scena la Passione e la Creatività, elementi imprescindibili per la realizzazione di un’opera e fil rouge nel dialogo tra i volti ormai affermati del Grande Schermo e i giovani talenti emergenti.

www.campari.com
FB Campari
IG Campari.it 

Articolo precedenteExpo per lo Sport, Autogrill e Fondazione Humanitas per la ricerca promuovono uno stile di vita sano e la ricerca oncologica giovanile
Articolo successivoLugano. “Paul Klee” in mostra al MASI Museo d’arte della Svizzera italiana