Max Cooper GNO Stavros Niarchos Hall Pinelopi Gerasimou High
Max Cooper GNO Stavros Niarchos Hall Pinelopi Gerasimou High

Musica elettronica totale: Max Cooper al Teatro Romano Il produttore nordirlandese e visual artist è a Spoleto con una potente performance dove oltre al suono controlla le immagini dal vivo. «Amo la musica quanto le arti visuali».

Cooper 10 credit Mathieu Golinvaux
Cooper 10 credit Mathieu Golinvaux

Il prossimo appuntamento del Festival dei Due Mondi è già mercoledì 28 giugno 2023  con Max Cooper, fra i nomi più prestigiosi dell’elettronica mondiale che arriva a Spoleto con una potente performance: oltre al suono, Cooper controlla dal vivo le immagini proiettate sullo sfondo del Teatro Romano, guidando lo spettatore in un viaggio multisensoriale e immersivo, fatto di imponenti sonorità e visual ipnotici.

Produttore nordirlandese e visual artist di base a Londra, Max Cooper ha iniziato la carriera come musicista elettronico nel 2007, periodo in cui consegue un dottorato di ricerca in biologia computazionale. Ben presto le due anime, quella di musicista e quella di scienziato, trovano una sintesi perfetta nelle sue produzioni, caratterizzate da un’identità immediatamente riconoscibile per quanto arduo sia etichettare il risultato artistico con un genere preciso. Ogni sua composizione rappresenta una sfida, che affronta con la collaborazione di ricercatori scientifici e artisti visivi. Tra questi spiccano i nomi di Dugan Hammock e Andy Lomas, del genetista Mikhail Spivakov e di Peter Fraser e Csilla Varnai del Babraham Institute, con cui ha lavorato per rappresentare visivamente i dati della ricerca sulla struttura dei cromosomi e dei geni.

Max Cooper Credit Alex Kozobolis2
Max Cooper Credit Alex Kozobolis2

Come una guida spirituale, in ogni suo concerto Cooper apre le porte allo spettatore di un’esperienza coinvolgente in cui la musica ibrida, tra cyber e umano, si mescola alla proiezione di immagini in movimento in un’unica potente danza. «Ho sempre amato la musica tanto quanto le arti visuali» – commenta Max Cooper – «il salto di qualità l’ho fatto quando mi sono reso conto che potevo valorizzare anche a fini artistici il mio background di studi scientifici, utilizzandolo nei visuals. Da lì, in un bellissimo e quasi sorprendente circolo virtuoso, l’aumentata complessità e qualità della componente visuale ha fatto alzare il livello anche alle mie idee musicali». Attivo nella sensibilizzazione sui temi ambientali, Cooper è stato autore delle musiche per il video interpretato da Greta Thunberg e Papa Francesco e presentato alla COP26: un’esortazione per i leader mondiali ad occuparsi di clima e ambiente nei progetti di risanamento post Covid. Si è esibito in Festival prestigiosi come Glastonbury, Latitude, MUTEK, Amsterdam Dance, e Decibel. Nel 2021 è stato il primo artista techno a esibirsi all’Acropoli di Atene.

Max Cooper live av tour photo credit Alex Kozobolis
Max Cooper live av tour photo credit Alex Kozobolis

ATTENTION Il concerto prevede l’uso di luci stroboscopiche che possono colpire chi soffre di epilessia fotosensibile o presenta altre fotosensibilità 

Articolo precedenteIl Leone D’Oro di Venezia a Ernst Knam
Articolo successivoNaïf vince l’Overall del X Trofeo Principato di Monaco a Venezia