Santi Francesi e Leo Gassman per Rise

“Tutto comincia da un pasto”: la Onlus, con il supporto degli artisti, garantirà a 1000 bambini il diritto a una sana alimentazione, all’istruzione e alla salute per un intero anno scolastico

Primo Maggio Rise Against Hunger Italia rinnovano anche quest’anno la partnership solidale per portare un aiuto concreto ai bimbi dello Zimbabwe. In occasione del Concertone che quest’anno si terrà in una location inedita ed eccezionale, il Circo Massimo, l’associazione coinvolgerà gli artisti presenti chiedendo loro un semplice gesto: autografare le iconiche scatole Rise Against Hunger Italia per testimoniare come anche il mondo della cultura può impegnarsi per dar voce a chi non ne ha. Un gesto simbolico che porterà grande aiuto all’operato dell’associazione e visibilità all’intero progetto.

Ogni scatola di pasti Rise Against Hunger è consegnata direttamente nelle scuole e studiata per garantire ad un bambino il fabbisogno alimentare per un intero anno scolastico. Ognuno di questi bambini potrà imparare a leggere e a scrivere migliorando la sua condizione di vita. L’iniziativa si inserisce nel programma di scolarizzazione che la Onlus promuove e monitora da anni nei Paesi dell’Africa Sub-Sahariana, dove ad oggi sono ancora migliaia i bambini che soffrono di denutrizione.

Grazie a questo progetto, 1000 tra bambine e bambini potranno vedere riconosciuto il loro diritto ad una sana alimentazioneall’istruzione e a molto altro. Perché un pasto è anche sinonimo di parità di genere, di sicurezza alimentare, di dignità dell’individuo e di crescita di un’intera comunità.

Rise Against Hunger è un movimento globale in continua e costante crescita, con l’obiettivo di porre fine alla fame nel mondo dando più potere alle comunità e rispondendo con prontezza alle emergenze. L’azione di Rise Against Hunger è rivolta in particolare alle comunità remote, spesso quasi irraggiungibili e molte volte trascurate dai media globali, lavorando in sinergia con i leader locali per sfruttare i punti di forza e affrontare le sfide in materia di sicurezza alimentare e nutrizione con competenza, dignità e resilienza.

“Perché tutto comincia da un pasto” commenta Alberto AlbieriPresidente di Rise Against Hunger Italia: “Siamo testimoni, con i nostri innumerevoli progetti, di come sia possibile cambiare la vita di migliaia di persone nel mondo. Sconfiggere la fame è un obiettivo raggiungibile. Attraverso la voce degli artisti porteremo non solo un messaggio di solidarietà e speranza, ma un aiuto concreto a chi ne ha veramente bisogno”.

Articolo precedenteSimone Iaquinta riaccende le sfide nella Carrera Cup Italia 2024
Articolo successivoDa Toys Center arrivano le Favole in Gioco