24orenews Web E Magazine

FESTA DELL’OLIO 2010

SAN QUIRICO D’ORCIA

(Siena)

Periodo: dal 4 dicembre al   8 dicembre 2010
 
 
 

SAN QUIRICO D’ORCIA: Le caratteristiche dell’olio proveniente dalle dolci colline di San Quirico, il nostro olio nasce da oliveti coltivati con tecniche tradizionali. Una volta raggiunto il livello di maturazione ottimale, le drupe vengono raccolte manualmente e portate direttamente al frantoio.Molite nella stessa giornata, sotto il peso di vecchie macine in pietra, danno origine ad un impasto con tutti i presupposti per il raggiungimento di un prodotto di elevata qualità. Sulla pasta così ottenuta sono esercitate pressioni molto basse e solo il primo olio, che già dai fiscoli inizia a sgrondare per gravità, dà origine a questo prodotto. Lasciato perciò decantare naturalmente, per evitare la perdita di fragranza conseguente ai filtraggi, è pronto per l’imbottigliamento. Questi processi di lavorazione sono indispensabili per l’ottenimento di parametri oganolettici fondamentali. Dalle analisi di laboratorio l’olio di San Quirico risulta avere una bassa acidità (0,3) ed anche altre caratteristiche, come il numero dei perossidi (8,3), che ne rispecchiano l’elevata qualità. Questi suoi pregi sono dovuti al giusto equilibrio che intercorre fra i suoi componenti. Questo extravergine d’oliva appartiene alla categoria degli olii fruttati di maggior pregio e già dall’analisi olfattiva evidenzia la sua fragranza e freschezza. A un assaggio approfondito produce sensazioni di tutto rispetto grazie al suo aroma di mandorle amare e di carciofo nel retrogusto.

http://www.comunesanquirico.it/resources/allegati_settori/Locandina_2010_d.pdf

Centro Storico

Conosciamo la cittadina:  Entrando da nord-ovest lungo via Dante Alighieri, antica via Francigena o Romea che taglia in due l’intero borgo antico, si incontra la Chiesa Collegiata (Sec.XII). Con il suo portale di mezzogiorno sembra scrutare la strada principale del paese. Sorta su una precedente pieve romanica, cela al suo interno un antichissimo coro ligneo intarsiato attribuito al senese Antonio Barili, e sul lato sinistro un trittico ligneo attribuito a Sano di Pietro (Sec: XV) Di fianco alla Chiesa Collegiata si innalsa la maestosita’ di Palazzo Chigi Zondadari (Sec.XVII), intruso scatolone di pietra in contrasto con l’ambiente cosi’ povero ma allo stesso tempo ricco di fascino, a testimoniare il passato feudale del borgo.Continuando lungo il Corso si giunge alla Piazza della Liberta’, fulcro vitale del paese con al centro la Chiesa di S. Francesco, detta Chiesa della Madonna inquanto custodisce la statua della Madonna di Vitaleta di Andrea delle Robbia Da un angolo della Piazza si accede agli Horti Leonini autentico gioiello di giardino all’Italiana del cinquecento che con la sua geometria di siepi di bosso conduce ad una loggia alta sistamata a boschetto di lecci.  Nella parte alta del giardino si trovano i resti della Torre del Cassero (era alta circa 39 metri) a testimonianza delle mutilazioni subite dal paese durante la ritirata dei Tedeschi nel 1944. Seguendo la cinta murale che racchiude il centro storico di San Quirico si giunge alla Porta Cappuccini austero baluardo di forma poligenale.


Ufficio Turistico San Quirico D’Orcia
Tel. 0577897211
ufficioturistico@comunesanquirico.it

Articolo precedenteMILANO. PRESENTAZIONE DELLA NUOVA COLLANA ”FIORI NERI” – TODARO EDITORE – domenica 28 novembre 2010
Articolo successivoEMILIA ROMAGNA. POLITEAMA DI PIACENZA: ANNULLATO LO SPETTACOLO ”TUTTO QUESTO… DANZANDO” IN PROGRAMMA IL 2 DICEMBRE 2010