24orenews Web E Magazine

 
 
 rodriguez-cecilia

 

  

GAME PRIDE & LUDICA VILLAGE

DAI CROUPIER AGLI INVENTORI DI GAME: IN MOSTRA IL “MESTIERE DI GIOCARE”

 

   

BAGNO DI FOLLA PER CECILIA RODRIGUEZ, DOMANI OSPITE FABRIZIO CORONA

 

CATANIA – «Lavorare è un gioco». Strano ma vero, perché se a dirlo è un croupier non si può certo smentire. E se in Sicilia quello dei casinò è un mondo poco conosciuto e per nulla praticato, i siciliani invece non soltanto sono un popolo di giocatori – come confermato dalle statistiche Eurispes – ma anche di esperti “addetti ai lavori”, o in questo caso “ai tavoli”.

Al Salone catanese del gioco, “Game Pride & Ludica Village” – organizzato da Ad Maiora, Pianeta Vacanze Equipe e Yrama – la direttrice della scuola croupier di Palermo, Christine Chilton, una veterana del settore che ha lavorato per Elisabetta d’Inghilterra, racconta il potenziale dei ragazzi dell’Isola: «Ogni anno formiamo quasi 50 giovani che dopo il corso cominciano subito a lavorare in diverse parti del mondo e nelle navi da crociera. È un vero e proprio viaggio in un favoloso universo fatto di calcoli mentali, abilità manuale, e psicologia dei giocatori». 

A confermare che dal gioco può nascere un mestiere – tra gli stand dell’Etnexpo, a Etnapolis, in vetrina fino a domani domenica 28 – c’è anche una coppia siciliana, una fumettista e un creativo, che hanno dato vita a “Link”, «un gioco di società non riproponibile on line, per mantenere sacra quell’atmosfera dei vecchi giochi di società, quando gli avversari si sfidavano con sorriso e goliardia». Più facile a farsi che a dirsi, la regola base è entrare in contatto fisico con il compagno di squadra, in una sorta di Twister a tu per tu.

Da corpo a corpo, a monitor a monitor: molti giochi tradizionali prendono vita digitale. L’ultima novità sul fronte è il Bingo on line, garantito dai Monopoli di Stato: non più 400 giocatori in sala ma oltre 4mila appassionati, ognuno da casa propria, pronti ad acchiappare la fortuna e jackpot da capogiro. Parola d’ordine: tutela, quella del giocatore, che grazie alla nuova legge comunitaria – in vigore tra poche settimane – potrà giocare un tetto massimo di scommesse. Bandito dunque l’azzardo. Così sarà infatti per le slot machine – quelle di ultima generazione sono touch screen – i videogiochi e le scommesse sportive. Ogni appassionato avrà la propria card ricaricabile, come quelle telefoniche.

Tra luci e palloncini le attrazioni del Game Pride & Ludica Village continuano nei corridoi dell’expo: la Wii-zone; la “zorball” ovvero una gigantesca palla di 3 metri, all’interno della quale infilarsi per rotolare a mo’ di criceto; le simulazioni dell’amato Softair. Immancabile lo “sport della mente”, com’è stato definito dal Comitato olimpico: gli scacchi. In un torneo dove una partita non è mai uguale all’altra, appassionati e principianti si sfidano all’interno del Salone sfoderando le proprie strategie. Mentre a rappresentare il gioco “che non muore mai” ci sono gli intramontabili mattoncini Lego, “calamita” del divertimento per grandi e piccini.

Nella piattaforma PrinceBet centinaia di giovani hanno accolto la madrina della giornata, Cecilia Rodriguez, sorella minore della più famosa Belen: un vero e proprio bagno di folla per scattare foto e chiedere l’autografo. E per domani, ultima giornata della fiera, si pensa già al bis con l’arrivo del “bello e dannato”, quanto discusso, Fabrizio Corona.

 

27 novembre 2010

  

www.game-pride.it

www.ludicavillage.it

www.ludicavillage.com

 

    

 

 

I Press

Ufficio stampa Game pride & Ludica Village

Articolo precedenteMILANO. PRESENTAZIONE DELLA NUOVA COLLANA ”FIORI NERI” – TODARO EDITORE – domenica 28 novembre 2010
Articolo successivoEMILIA ROMAGNA. POLITEAMA DI PIACENZA: ANNULLATO LO SPETTACOLO ”TUTTO QUESTO… DANZANDO” IN PROGRAMMA IL 2 DICEMBRE 2010