VALLE D'AOSTA
VALLE D'AOSTA

 

‘’LA DONNA DELL’ANNO 2010’’

L’uzbeka Bibisora Oripova si è aggiudicata la tredicesima edizione del Premio Internazionale “La donna dell’anno” 2009 e con essa anche i 50.000 euro previsti per la vincitrice, che dovranno essere destinati all’attività e all’azione che hanno determinato l’attribuzione del riconoscimento stesso. Il premio le è stato consegnato dal Presidente del Consiglio Valle, Alberto Cerise.

 

Questa la motivazione della Giuria: “Medico psichiatra, con il suo continuo e coraggioso impegno si adopera, da anni, per salvare la vita di tante donne, vittime di violenze, portate ad atti estremi a causa di situazioni e realtà oppressive. Agisce con successo, in condizioni difficili, per sviluppare al massimo il rispetto di donne e bambini. Il suo Centro, denominato significativamente “Speranza”, ha permesso a molte donne di guarire, reinserirsi nella società e sperare in un futuro migliore”.

 

Il Premio Soroptimist Club Valle d’Aosta è andato a Marina Trivelli, già medico volontario in India, Filippine e Camerun. Nel 2002, in Angola, nell’ospedale di Chiulo, nel profondo sud del paese, al confine con la Namibia, è impegnata in un progetto che ha come obiettivo la prevenzione e la riduzione del contagio dell’AIDS. Oggi è direttrice clinica dell’Ospedale di Chiulo e lotta ogni giorno con fiducia per dare, come dice lei, “un calcio alle prime due lettere della parola im-possibile”. 

Due menzioni speciali sono, poi, state consegnate alle altre due finaliste, l’italiana Adriana Gulotta, e la burundese Spès Nihangaza. 

La serata – che è stata condotta dalla giornalista Rai e conduttrice del TG2, Maria Concetta Mattei, e alla quale sono intervenute come ospiti musicali le cantanti “Naïf” Hérin e Paola Turci – sarà trasmessa su Rai3 negli spazi RaiVdA domenica 12 dicembre alle ore 9,45.

 

Fonte:UffStampPresConsVDA/SC

 

Articolo precedenteSICILIA. AVVIATO LO SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA
Articolo successivoLOUIS VUITTON e CO, TUTTO ESAURITO IN COSTA AZZURRA, IL LUSSO NON TEME LA CRISI