KIJIJI
Kijiji

Kijiji.it e il Natale al tempo dello smartphone!

Gli italiani ne vanno matti (62% ne possiede uno), 1 su 2 lo utilizzerà per restare in contatto con i propri familiari mentre 1 su 4 ne farà uso per acquistare i propri regali. Più freddi e calcolatori gli inglesi, solo il 33% lo utilizzerà per fare gli auguri, ma molti di più lo useranno per creare la propria wishlist.

Si avvicina il Natale e nelle case degli italiani c’è un nuovo invitato. Lo si potrà trovare sotto l’albero come regalo, a tavola come fotografo ufficiale per immortalare tutte le prelibatezze che verranno sapientemente cucinate oppure spaparanzato sul divano in un momento relax post panettone o pandoro alla ricerca di una rete wi-fi . Di chi stiamo parlando? Di lui, il protagonista indiscusso delle case degli italiani: lo smartphone! In un Paese dove il 97% degli abitanti over 16 ha un cellulare e la penetrazione degli smartphone è del 62% (dati Nielsen), Il 70% di noi utilizza il proprio smartphone in modo massiccio come mobile device per eccellenza e durante le feste natalizie 1 italiano su 2 lo userà in modo quasi compulsivo per mandare messaggini di auguri e per telefonare a zii, nonni o i parenti lontani. A differenza invece di quanto accadrà ad esempio in Olanda, dove solo il 24% ne farà uso per mantenere i contatti con i propri cari o nel Regno Unito dove a fronte di un 33% di utilizzo per fini familiari, un britannico su 3 lo utilizzerà costruire la propria “wishlist” natalizia o per acquistare i propri regali. E’ questo quanto emerge da una ricerca internazionale svolta da Resdhift Research per eBay Classifieds Group, Gruppo Internazionale presente in Italia con Kijiji.it, sito di annunci gratuiti locali che conta circa 5.000.000 di annunci 60.000 nuove inserzioni giornaliere, attivo sul mercato italiano dal 2005. La ricerca è stata condotta in 14 Paesi (Italia, Regno Unito, Francia, Germania, Belgio, Olanda, Italia, Danimarca, Canada, Messico, Argentina Taiwan, Singapore, Australia e Sud Africa), coprendo un campione rappresentativo della popolazione di 14.067 intervistati (1.000 al’incirca per ciascun Paese) con la metodologia del questionario online. Obiettivo della ricerca è stato indagare il rapporto tra intervistati e dispositivi mobili. “Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi” recita il famoso detto. E se con la propria famiglia non si riesce a stare per motivi di distanza, ecco che lo smartphone arriva in aiuto. L’indagine evidenza in modo chiaro che circa il 50% degli italiani durante le feste non rinuncerà ad utilizzare il proprio smartphone per restare in contatto con i propri cari e i propri affetti! L’importanza della famiglia che da sempre caratterizza la nostra cultura, in occasione del periodo natalizio si fa sentire ancor di più, anche quando l’incontro di persona non è possibile.

Natale: italiani smartphone addicted anche per gli acquisti online e per pianificare i propri impegni vacanzieri. Abbigliamento, elettronica e biglietti per i viaggi i più ricercati. Famiglia ed affetti sì, ma guai a dimenticarsi dei tanto attesi regali! E tra i molti italiani che si rivolgeranno a Babbo Natale, il 25% lo farà tramite smartphone. Un dato superiore a quello medio globale (22%) che ci catapulta in seconda posizione dietro solamente ai britannici, i più mobile shoppers d’Europa (con il 31%). Cresce dunque la percentuale di chi utilizza i telefoni di ultima generazione non solo come uno strumento per fare ricerche e confronti, ma come vero e proprio dispositivo per completare l’acquisto! Di soli 3 punti inferiore (21%) la percentuale di chi il proprio smartphone lo utilizzerà per pianificare tutti gli eventi durante le vacanze natalizie. Addio quindi a calendari ed agende varie. In vacanza quasi 1 italiani su 4 programmerà i propri impegni semplicemente digitando su luminosi touch screen portatili. Ma cosa cercano gli italiani online per i propri regali? La ricerca di Redshift Research evidenzia come negli ultimi 6 mesi a livello globale l’abbigliamento e gli accessori siano i più ricercati con il 51% delle preferenze, davanti a prodotti elettronici (40%) e Film, Dvd, Musica per il 36 %. Seguono appaiati a pari merito con il 35% arredamento ed elettrodomestici e i biglietti per eventi (cinema, festival, concerti, eventi sportivi, ecc..). In Italia la situazione si presenta molto più livellata che in altri Paesi: abbigliamento ed elettronica si confermano le categorie più ricercate, rispettivamente con il 48% e il 47%, seguiti a brevissima distanza da biglietti per viaggiare (aerei, ferroviari) con il 46% e hotel (41%). Dati quindi che evidenziano l’amore per il turismo e per il viaggio di noi italiani. E nel resto d’Europa? Il panorama non cambia con abbigliamento a farla da padrone soprattutto in Germania e nel Regno Unito. (65% e 62%). Oltre manica la tendenza dell’utilizzo del web per gli acquisti è molto in voga per moltissime categorie, anche ad esempio per gli alimentari e le bevande: quasi un cittadino inglese su 2 dichiara di acquistare alimentari e bevande online, a differenza di quanto avviene in Italia, fanalino di coda per questa categoria con solo il 16%.

E gli annunci online? Cresce l’utilizzo da parte degli italiani e si intensifica il legame con i dispostivi mobili. Gli italiani professano il loro amore per gli annunci online. Negli ultimi 6 mesi infatti il 45% degli intervistati afferma di aver acquistato qualcosa grazie agli annunci online e il 26% di aver venduto qualcosa su siti come Kijiji.it. Due dati che testimoniano quanto oramai gli annunci online siano uno strumento di uso quotidiano, utilizzati sia per risparmiare lato compratore, che per arrotondare le proprie entrate lato venditore, dando così una seconda vita a quanto non più utilizzato. Un trend quello evidenziato dalla Ricerca Redshift confermato dai dati relativi all’andamento di Kijiji.it. Negli ultimi sei mesi c’è stato infatti un incremento nel numero di annunci del +19%, mentre i visitatori unici sono cresciuti del 9%. Gli annunci quindi entrano a pieno titolo oramai nella vita degli italiani, non solo per la compravendita di oggetti, ma anche per quanto riguarda la ricerca di un’occupazione: il 35% dichiara infatti di essersi candidato ad annunci di lavoro trovati online. Con la crescita dell’utilizzo degli annunci online si intensifica il legame con i mobile devices. Sempre secondo i dati Redshift Research l’Italia è il Paese con le più alte percentuali di annunci postati da dispositivi mobili (25% contro il 16% globale), di acquisti fatti on mobile da inserzioni online (31% vs 20% globale) e di navigazione tra annunci alla ricerca di quanto si desidera (52% contro il 37% globale). Dati anche in questo caso che trovano pieno conforto nell’andamento del segmento “mobile” di Kijiji.it. Come afferma Roberto Tucci , Business Development e Customer Satisfaction Manager: ”Su Kijiji.it, le visite da smartphone e tablet stanno crescendo molto di più delle visite da pc: hanno superato il 20% del totale, grazie anche  all’importante lavoro fatto nel ridisegnare l’esperienza del mobile site e nell’aggiornare in modo continuo e costante le app Ios, Android e Windows Mobile introducendo nuove funzionalità. Grazie ai miglioramenti della user experience on mobile aumenta anche la conversione delle visite in attività da parte degli utenti: crescono da questo punto di vista il numero dei nuovi annunci postati e delle risposte alle inserzioni”.

www.kijiji.it è il sito dedicato agli annunci gratuiti locali che consente a compratore e venditore di mettersi in contatto e di concludere la transazione di persona. 14 le categorie all’interno delle quali trovare i migliori affari del web: Abbigliamento, Animali, Arredamento e Casalinghi, Attrezzature da lavoro, Case vacanze e Viaggi, Corsi e Lezioni, Elettronica, Lavoro, Libri Film e Musica, Motori, Sport, Tempo Libero, Tutto per bambini.

CONTATTI

Kijiji.it

Chiara Bonifazi, chiara@kijiji.it

 

Ufficio Stampa: Eidos Srl

Filippo Ferrari – fferrari@eidos.net

Tel 02 8900870

 

Articolo precedenteVIGEVANO. “SCARPE ROSSE IN CAMMINO”: UN OMAGGIO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA
Articolo successivoUN VIAGGIO COME REGALO PER UN SAN VALENTINO ALL’INSEGNA DEL ROMANTICISMO