Locandina Mostra Francesco Patanè

Francesco Patanè Imperfection Is BeautyMovimento sospeso

Movimento sospeso

la prima personale a SinergieSolidali a Roma

Francesco Patanè, artista siciliano di origini, romano di adozione, presenta la sua prima personale a Roma Imperfection Is Beauty dal 18 novembre al 25 novembre 2022, all’Associazione SinergieSolidali a Via Volsinio 21, nel quartiere Trieste.

Romano, classe 1986, materico, predilige l’uso di materiali “non convenzionali” per le sue opere come l’asfalto e la juta, la sua è una ricerca della perfezione nell’imperfezione: il contrasto di corpi e figure appena abbozzate che sembrano emergere dalla juta, la forza materica dell’asfalto, l’uso di materiali inconsueti, queste sono le caratteristiche pittoriche di Francesco Patanè.

In mostra circa 15 opere, alcune anche di formati imponenti, com’è d’uso dell’artista che in questa sua prima personale romana, strizza l’occhio anche al riuso e al riciclo, così in voga e oltre alla classica juta, si cimenta anche sul cartone e su altri materiali di scarto, mescolando con l’acrilico.  L’artista da sempre gioca sull’imperfezione, per far emergere la vera natura del soggetto raffigurato, la sua essenza profonda, il suo “io” nascosto, la sensibilità del singolo individuo a prescindere dall’aspetto fisico, il suo slogan infatti è: imperfection is beauty.

La sua arte è volta al recupero di un ideale primordiale di raffigurazione e il suo incentrarsi sui corpi o sui visi della gente comune è legato alla predilezione per le imperfezioni estetiche che, a suo avviso, sono la parte più affascinante ed enigmatica di ogni singolo individuo, la perfezione è nell’essere non nell’apparire.

Secondo Patanè l’arte deve riprodurre, evocare ed emozionare l’osservatore ma, cosa più importante, è nell’artista che l’opera d’arte deve riuscire a trasmettere quell’emozione. Un figurativo riflessivo, ama definire il suo stile l’artista, poiché ad ispirare il suo immaginario più che soggetti definiti e armonici sono bozze di “persone”. Non semplici corpi, dunque, ma persone.

Love & Flowers
                                                                 Love & Flowers

In contrapposizione alla “imperfezione” delle persone riprodotte, l’artista ha una minuziosa cura nella lavorazione dei materiali utilizzati, che lo portano ad iniziare addirittura dal telaio di legno sul quale sarà fissata l’opera, per poi passare alla lavorazione del sacco di juta, nel quale crea un’imprimitura con colla e acrilico e, alla fine, una volta asciugato il tutto, delinea il personaggio da riportare su tela. Successivamente procede con la colatura di asfalto catramoso per giungere alla realizzazione finale dell’opera.

Nelle opere di Francesco Patanè si può intravedere un accenno solo iniziale all’astrattismo, che poi, attraverso la sovrapposizione dei materiali utilizzati, produce, quasi per magia, attraverso linee disordinate e colate di asfalto, figure e corpi umani, nei quali si può intravedere la sua primaria fonte di ispirazione, la genialità e il neoespressionismo di Jean Michel Basquiat.  Tra le opere in mostra: “Movimento Sospeso”, “Love & Flowers”, “Ninfe”, “Rebirth”, solo per citarne alcune.

Imperfection Is Beauty – Francesco Patanè Art
SinergieSolidali Via Volsinio 21 – Roma (quartiere Trieste)
Vernissage 18 novembre dalle ore 18.00
La personale sarà visitabile dal 19 al 25 novembre con i seguenti orari: 19 e 20 dalle 17 alle 20.00, 22 e 23 dalle 8 alle 12, 24 dalle 19 alle 21, finissage venerdì 25 dalle ore 18.Rebirth

                                                         Rebirth

Bio Francesco Patanè:
Francesco Patanè, romano, classe 1986, si forma al “Corso di paesaggistica” presso la Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni de La Sapienza, ma ben presto sviluppa uno stile originale che lo porta, piuttosto che a progettare, a dipingere, discostandosi nettamente dalle tecniche pittoriche consuete.  La sua passione per l’arte inizia tra le mura domestiche, dove la creatività è di casa, lo zio era un pittore e uno scultore, la madre una disegnatrice, stilista e gli ha trasmesso sin da subito l’amore per l’arte. Una parte significativa, però, la occupa il suo primo professore di arte delle scuole medie, che apprezzando i suoi lavori ha incoraggiato la sua vena artistica.  Artista eclettico si diletta anche nella musica, per pura passione.  Dichiara l’artista: “Il mondo dell’arte mi ha sempre affascinato anche se gli ostacoli della vita mi hanno messo di fronte ad una scelta obbligata. Per motivi economici non ho potuto proseguire gli studi accademici.

Articolo precedenteRoma. Corpo_Città: formati in bilico tra teatro, danza e musica | 25 novembre – 11 dicembre
Articolo successivoL’Aquila. Mostra del Maestro Giancarlo Ciccozzi