Opera di Gianluca Migliorino

Gianluca Migliorino
Mostra d’arte a cura di Laura Tartarelli
26 febbraio 2023
Vernissage alle ore 11:00

Spazio Antologico | East End Studios
Milano – Via Mecenate 84/100 

Lo Spazio Antologico degli East End Studios in Via Mecenate 84/100 ospiterà la mostra d’arte Fashion Victim dell’artista Gianluca Migliorino. La mostra si inserisce all’interno dello spazio che ospiterà le sfilate di Yes Brand Milano, organizzatore che porta in passerella brand emergenti ed affermati e che presenta il concept “Back to the Eden Garden”, che vuole sensibilizzare il mondo della moda sul tema della tutela dell’ambiente, del quale Gianluca Migliorino è autore e coordinatore delle scenografie.

La mostra è curata da Laura Tartarelli, titolare della galleria di Pietrasanta Laura Tartarelli Contemporary Art. “Fashion Victim” pone lo spettatore di fronte ad una riflessione sull’estetica personale e di come l’industria della moda influisce sulla propria vita e sull’ambiente.

Oltre alla presentazione dei primi pezzi della Art Collection Fashion Victim, l’artista e Direttore Creativo dell’omonima azienda attiva nella produzione di arredi e rivestimenti di design presenterà al pubblico, con una suggestiva immersione nella realtà virtuale, la sua scultura monumentale Adamo 2030, opera emblematica che porta il pubblico ad una cruda e concreta riflessione sul tema della sostenibilità ambientale.

L’opera, che unisce il “virtuale al reale” sarà oggetto di Crowdfunding per la realizzazione e verrà donata dall’artista alla sua città al termine di alcune mostre itineranti i cui ricavi saranno devoluti in beneficenza ad un’associazione per la tutela dell’ambiente. Chiunque potrà contribuire alla sua realizzazione, con qualsiasi somma ed in cambio di un riconoscimento concreto, questo perché l’artista vuole sottolineare maggiormente quanto l’unione tra gli uomini deve essere forte sul tema toccato dalla scultura e come questa permetta di realizzare qualsiasi obiettivo, oltre che voler raggiungere il più vasto pubblico che protegga l’opera, metafora anche questa.

Tutti sono invitati a partecipare per scoprire l’arte unica e complessa di Gianluca Migliorino e riflettere sui temi importanti trattati nella sua opera.

 

Articolo precedente“La mente frugata”. L’intelligenza artificiale (AI) e la lettura del pensiero
Articolo successivoLeoVegas.News sempre più nerazzurro: è il nuovo Official Training Kit Front Partner dell’Inter