Sapozhnikov foto 1
Sapozhnikov Foto 1

Sergey Sapozhnikov: total picture

17 settembre  – 20 ottobre 2014

A cura di Francesco Bonami
Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12, Milano
Inaugurazione: 15 Settembre 2014, ore 18.30

Il Museo Poldi Pezzoli di Milano e la V-A-C Foundation di Mosca sono lieti di presentare una mostra di opere fotografiche del giovane artista russo Sergey Sapozhnikov. Curata da Francesco Bonami e organizzata in collaborazione con il Museo Poldi Pezzoli, questa esposizione è per il fotografo la prima personale in Italia all’interno di un museo storico.
La mostra presenta una selezione di opere fotografiche che mettono a confronto immagini dell’archivio storico del Museo, scatti già esistenti provenienti dalla V-A-C Foundation ed una serie di nuove fotografie dinamiche scattate durante la permanenza di Sapozhnikov al Poldi Pezzoli.
Nelle fotografie già note di Sergey Sapozhnikov le figure umane sono presentate in pose inusuali e in ambientazioni particolari: piegate a metà di un salto o aggrappate ai rami degli alberi in campi incolti o in fitte foreste. Queste fotografie, che ricordano fotogrammi del cinema d’autore, hanno ognuna una propria storia. Alcune delle immagini, ambientate nelle periferie di Rostov-sul-Don, città natale dell’artista, o in cortili di case private, trasformano spazi grigi in paesaggi fantastici grazie all’utilizzo di materiali economici facilmente reperibili: materassini gonfiabili luminosi, involucri di cibo, stracci sgargianti, nastro adesivo, vecchi coperchi, travetti di legno con vernice scrostata e reti metalliche arrugginite. Dando vita ad un mondo immaginario, dove tutto sembra come sul punto di crollare, Sapozhnikov indaga le leggi fisiche e, superata la forza di gravità, scopre nuove possibilità di espressione attraverso lo strumento della fotografia.
Le nuove opere di Sapozhnikov realizzate in occasione di questa mostra sono il risultato della sua totale immersione negli ambienti del Museo Poldi Pezzoli: accanto a una serie di fotografie dei suoi interni, nei quali l’artista gioca con i dettagli, le proporzioni e la luce, sono esposti gli scatti della struttura architettonica che il fotografo ha installato per alcune ore ai piedi dello Scalone antico della Casa Museo, ispirata alla tradizione dell’avanguardia russa. Questa ‘invasione’ del contemporaneo all’interno di uno spazio classico suggerisce un dialogo provocatorio di Sergey Sapozhinkov con gli interni affascinanti, con la collezione di dipinti, con le arti decorative e manufatti del Museo Poldi Pezzoli.
Il curatore della mostra, Francesco Bonami, aggiunge: “Negli ultimi tempi la fotografia contemporanea, lasciandosi andare alla tecnologia digitale, si è fusa con la pittura confondendo la sua identità. Credo che Sergey Sapozhnikov sia uno dei pochi dell’attuale generazione di fotografi a resistere a questa tentazione riuscendo ancora a concentrarsi sulla natura pittorica della fotografia. Inoltre, il progetto del Museo Poldi Pezzoli ha reso la sua idea ancora più chiara.”
A corredo della mostra sarà pubblicato dalla V-A-C Foundation un catalogo con testi di Francesco Bonami, Giovanna Bertazzoni e Yelena Yaichnikova che includerà anche una conversazione tra Yaichnikova e Sergey Sapozhinkov.
Uffici stampa:
V-A-C Foundation
Helen Weaver
helweaver@gmail.com
Tel. +44 (0)7772 159219
Museo Poldi Pezzoli
Francesca Mariotti
mariotti@museopoldipezzoli.it
Tel. +39 02 45473800

La V-A-C Foundation
V-A-C si occupa dello sviluppo, della produzione e della presentazione dell’arte contemporanea russa attraverso una moltitudine di canali e all’interno di un programma educativo e di informazione.
Essendo particolarmente rilevante per la nuova generazione di artisti contemporanei russi, il V-A-C si occupa prevalentemente di supportare ed espandere la piattaforma per lo sviluppo del talento autoctono, dando ai giovani artisti l’opportunità di fare esperienza confrontandosi con pratiche internazionali, mentre sviluppano un linguaggio artistico autentico ed autonomo.
È con merito considerato uno dei soggetti chiave nella proposizione e nell’apertura al mondo della cultura contemporanea russa, offrendo occasioni di sviluppo per artisti emergenti, canali per l’esibizione e opportunità di commissioni, e al tempo stesso incoraggiando lo scambio interculturale – particolarmente importante nella situazione odierna.
(www.v-a-c.ru)

Il Museo Poldi Pezzoli
ll Museo Poldi Pezzoli è un ente non lucrativo (onlus) fondato dal collezionista Gian Giacomo Poldi Pezzoli e aperto al pubblico nel 1881.
È una delle più importanti case museo in Europa, esemplare del gusto di una tra le più raffinate collezioni artistiche del XIX secolo.
La dimora aristocratica del nobile Gian Giacomo Poldi Pezzoli (1822-1879) è la cornice di una eccezionale raccolta di dipinti italiani del Rinascimento e anche di una collezione davvero unica di arti decorative: armi e armature, porcellane, vetri, tessili, orologi e oreficerie, nobili e arredi.
Il Museo è riconosciuto dallo Stato italiano come istituto culturale di importanza nazionale, specializzato negli studi sulla storia del collezionismo e sulle arti decorative. Svolge permanentemente ricerche sulle proprie collezioni, i cui risultati vengono diffusi tramite pubblicazioni e mostre. Particolarmente attivo è il settore educativo, che pubblica annualmente nuovi percorsi didattici. Il Poldi Pezzoli è a capo del circuito Case Museo di Milano.
(www.museopoldipezzoli.it)

Articolo precedenteL’AUTO MENO AMATA DALLA RETE: LA FIAT MULTIPLA
Articolo successivoHall Swarovski Wattens (Austria). La settimana dei cristalli