Foto di gruppo
Premio Felix 2022

La V attesissima edizione del Premio Felix – Festival del Cinema dopo sei giorni intensi e partecipati, prima a Monza e poi al Palazzo del Cinema Anteo di Milano, si è chiuso con una vera festa  di Gala in una serata ricca di emozioni, con la proiezione del film vincitore alla presenza di ospiti del mondo dello spettacolo, della cultura e della selezionata Giuria 2022 presieduta dal produttore Roberto Bessi è composta da Alessandro Trani editore del Magazine 24oreNews, Vlada Novikova Nava critica d’arte e dal regista Luciano Boschetti. Il Premio promosso dalla Associazione culturale Felix è realizzato con il contributo e il patrocinio della Direzione generale Cinema e audiovisivo – Ministero della Cultura, patrocinato dalla Regione Lombardia, dal Comune di Milano e Comune di Monza, in collaborazione culturale con l’Associazione Adrenalina culturale, Ibrahim Kodra Swiss Foundation e IntourItaliaGroup Culture Department. Il Festival in questa quinta edizione, con 22 pellicole in concorso tra film, docufilm, cortometraggi e documentari provenienti da tantissimi Paesi ha confermato la sua attitudine a dare spazio e voce al Cinema internazionale, permettendoci di “viaggiare” idealmente attraverso Paesi e culture, esperienze di vita ed emozioni, grazie ad un’Arte che è per tutti. Durante la serata di Gala presentata dall’attrice Michela Di Martino affiancata dall’attore e cantante Georgy Chkareuli, la giuria ha assegnato i Premi e le menzioni speciali, chiamando sul palco i premiati davanti ad una platea gremita e partecipe, per una festa che celebra il Cinema in tutti i suoi comparti.

Il Premio Felix 2022 per il miglior documentario è andato a Giovanni Rossi Made In Italy ed hanno ritirato il premio i due registi Giusy Cafari Panico e Corrado Calda. Il film vincitore del Festival è Profumo di melone a Samarcanda, (Uzbekistan) e il regista Ali Khamraev ha ricevuto il premio dal presidente di giuria, Roberto Bessi. Menzioni speciali al docufilm Ride back to Freedom del regista Hermann Weiskopf (Austria) per aver donato la speranza. A Bolle (Italia), menzione speciale per Theodore Chkareuli, il più giovane attore protagonista del Festival, con l’augurio di una lunga e fortunata carriera. A Volare o non volare (Georgia) del regista George Kacharava, menzione speciale come miglior commedia vivace e allegra. A Spice Boyz (Bielorussia) del regista Vladimir Zinkevich, come monito per i giovani di oggi, il diploma per il gradimento del pubblico. Per Love – Rules (Taiwan) hanno ritirato il premio il regista Shihyun Wang, l’attrice protagonista Ceia Zhou e il direttore della fotografia Chun Liang Liu con la menzione speciale per la sperimentazione e per tutti componenti artistici e tecnici del film.

L’edizione 2022 si è arricchita anche di una master-class sul linguaggio cinematografico del regista Ali Khamraev presso la Scuola Civica di Cinema Luchino Visconti, rivolto agli studenti del primo anno del corso triennale.

Le parole del regista vincitore del Premio, Ali Khamraev sono di buon auspicio e l’augurio migliore di lunga vita al Festival :Il Felix, Festival del cinema è una Festa! I registi hanno l’opportunità di incontrare il proprio pubblico, perché non ci sarebbe il cinema se non ci fosse chi lo guarda, perché non possono vivere l’uno senza l’altro… Il V bellissimo Premio Felix è entrato nella storia. Ci auguriamo che gli organizzatori, da domani siano al lavoro per la prossima edizione che siamo certi, saprà stupire”.

Attraverso i film ci immergiamo nei luoghi più profondi della nostra identità. Il film è strumento di confronto, scoperta, analisi, conoscenza. È un territorio comune dove si intrecciano le nostre identità, dove si neutralizzano le nostre paure per intraprendere nuovi percorsi positivi. Il premio Felix è una grande occasione per scoprire realtà nuove, identità e luoghi. È un percorso suggestivo e affascinante verso la conoscenza più profonda di noi stessi e delle società.

Il Cinema è Felix, perché rende felici!!!

 

 

 

 

  

Articolo precedenteA Milano il 2° congresso Europeo del Riso
Articolo successivoI vincitori del Premio EY L’Imprenditore dell’Anno 2022