real manifesto film 70x100 r
Real Manifesto Film 70x100 R

TRA LE ONDE, NEL CIELO

LA PELLICOLA SARA’ PRESENTATA ANCHE A CANNES 
AL MARCHÉ DU FILM

IN PROGRAMMA DAL 13 AL 22 MAGGIO

IN CONCOMITANZA CON IL FESTIVAL DEL CINEMA

E PER TUTTA LA DURATA DEL FESTIVAL SARÀ PRESENTE AL PADIGLIONE EUROPA ALLESTITO SULLA CROISETTE

Anche gli attori Laura Efrikian, Marco Morandi e Claudia campagnola alla prima di Roma. “Tra le onde, nel cielo” ripercorre il tragico evento di Brema, accaduto il 28 gennaio 1966, quando la nazionale di nuoto italiana precipitava a bordo di un convair Lufthansa, in fase di atterraggio. a bordo i giovani atleti Daniela Samuele, Carmen Longo, Amedeo Chimisso, Sergio De Gregorio, Luciana Massenzi, Bruno Bianchi, Chiaffredo Dino Rora; l’allenatore Paolo Costoli, il telecronista Nico Sapio.

A 50 anni dalla tragedia il film scritto e diretto da Francesco Zarzana cerca anche di indagare sulle cause, rimaste oscure. la canzone del film “Among the waves in the sky” e’ interpretata dalla cantante Eleonora Mazzotti. 

Sarà presentato lunedì 7 marzo, alla Casa del Cinema a Roma (ore 18) il film “Tra le onde, nel cielo”, che ripercorre la tragedia di Brema ’66 e racconta la “meglio gioventù” del nuoto italiano di metà anni Sessanta: l’atleta più giovane, Daniela Samuele, aveva sedici anni, il più “anziano”, Bruno Bianchi, aveva 23 anni ed era il capitano della nazionale azzurra di nuoto. Il 28 gennaio 1966 un aereo della Lufthansa partito da Francoforte – il Convair Metropolitan – precipitò in fase di atterraggio all’aeroporto di Brema. Nessun superstite. Tra le 46 vittime anche i sette giovani componenti della Nazionale di Nuoto italiana diretta al meeting di Brema, il più prestigioso appuntamento della stagione indoor. Con Daniela Samuele e Bruno Bianchi si trovavano a bordo del Convair anche Carmen Longo, Amedeo Chimisso, Sergio De Gregorio, Luciana Massenzi, Bruno Bianchi, Chiaffredo Dino Rora. Li accompagnavano Paolo Costoli, l’allenatore ed ex nuotatore che aveva preso il posto di Dennerlein, e il giornalista Nico Sapio, telecronista RAI, voce del Nuoto Italiano nelle occasioni importanti. Cinquant’anni dopo arriva il docufilm che racconta quella tragedia, “Tra le onde, nel cielo”, scritto e diretto da Francesco Zarzana. La pellicola è prodotta da Modena Buk Festival 2016 con l’Associazione ProgettArte, con il sostegno di BPER Banca e con ilpatrocinio di Federnuoto. Dopo la presentazione di Roma, e dopo la proiezione in programma il 24 aprile a Riccione in occasione della Coppa Caduti di Brema 2016, la pellicola sarà presentata nel Gotha del cinema mondiale, al festival di Cannes 2016, nel contesto del Marché du Film e per tutta la durata del festival sarà presente al Padiglione Europa allestito sulla Croisette. Info: www.bukfestival.it

Con il regista Francesco Zarzana, l’intero cast del film parteciperà alla presentazione di Roma. “Tra le onde, nel cielo” segna lo straordinario ritorno al set dell’attrice Laura Efrikian, che nel 1966 era all’apice della sua carriera e che interpreta la prof.ssa Maria Andreani del Liceo Minghetti di Bologna nonché insegnante della felsinea Carmen Longo. Accanto a lei Marco Morandi che veste i panni del grande giornalista e intellettuale Dino Buzzati, e ancora le attrici Claudia CampagnolaLucia Fossi, Elena Polic Greco, Lucia Bendia. La colonna sonora è affidata alla pianista e compositrice francese Valérie Marie e il film ha la sua canzone: “Among the waves, in the sky”, scritta da Francesco Zarzana e interpretata dalla cantante Eleonora Mazzotti.

“Tra le onde nel cielo” è un docufilm per non dimenticare: ogni sport ha la sua Superga. Il nuoto ha Brema ’66. Vite improvvisamente spezzate. Intessuto fra fiction e materiale documentario d’archivio, il film proporrà molte testimonianze dirette di familiari, amici dei ragazzi e atleti di quegli anni: Roberto, fratello di Amedeo Chimisso; Sonia, sorella di Sergio De Gregorio; Paola Saini e Daniela Beneck, ex campionesse di nuoto e compagne di nazionale dei ragazzi;  Nicoletta Longo, sorella di Carmen Longo, anche lei nuotatrice; Luciana Sirveni, compagna di banco di Carmen Longo; Marzio Casadei e Alessandro Anfossi, compagni di squadra a Bologna di Carmen Longo nella R.N. Bologna;  Elisabetta Fusi, ex nazionale di nuoto degli anni ’80 e figlia di Marcello Fusi, allenatore di  Sergio De Gregorio; Franco Del Campo,ex olimpionico (andò a Brema l’anno dopo la tragedia); Gloria Sapio, figlia del giornalista Rai Nico Sapio; Paolo Barelli, Presidente Federnuoto.

«Personalmente – afferma il regista Francesco Zarzana – non ho mai creduto all’ipotesi che l’incidente aereo fosse stato causato semplicemente dalle avverse condizioni meteo o da altre ipotesi assurde che sono circolate. Certo, il maltempo in parte ha contribuito, ma ho fatto una mia piccola indagine e fra le carte trovo che il centralino dell’aeroporto, mezz’ora prima dell’arrivo del Convair, riceve una telefonata nella quale si avverte che le luci della pista non funzionano bene. Così mi sono chiesto: chi può capire che le luci della pista non funzionano? O la torre di controllo, ma dubito che chiami il centralino, o qualcuno che arriva dal cielo… L’ultimo ad arrivare fu un piccolo velivolo guidato da Rolf Reese, istruttore di volo, che atterrò un’ora prima del volo dove c’erano gli azzurri … Lui negò sempre di avere fatto quella telefonata, ma la telefonata è rimasta registrata. Quando arrivò il Convair, secondo me, non ebbe punti di riferimento nella pista. All’ultimo momento il pilota tento’ di “riattaccare’, cioè di risalire e rifare la manovra di atterraggio. Però non ci riuscì: l’aeroporto di Brema non era neanche dotato del radar-guida. Non so se questa sia la verità sulla sciagura aerea, ma penso di esserci andato molto vicino”.