il Conte Verde
il Conte Verde

Ideati dal barman Ivan Alizzo del caffè storico Platti  

caffè Platti Torino
caffè Platti Torino

Torino continua a scrive la storia. La capitale sabauda, che vide nascere l’aperitivo nel 1786 con la creazione del Vermouth da parte di Antonio Benedetto Carpano, torna al centro della scena grazie a due nuovi cocktail che si intrecciano in modo inestricabile con la famiglia Savoia e con alcuni prodotti enogastronomici del Piemonte: la menta di Pancalieri, il Vermouth e i marron Glacè. Ideati e realizzati dal barman Ivan Alizzo del celebre caffè Platti, uno dei locali storici più suggestivi d’Italia, i due cocktail si chiamano Conte Verde e Conte Rosso. Dedicati rispettivamente ad Amedeo VI di Savoia, soprannominato il Conte Verde e al figlio primogenito di questi, Amedeo VII di Savoia, si presentano perfetti come accompagnamento dell’aperitivo.

il barman Ivan Alizzo
il barman Ivan Alizzo

Il Conte Verde è proposto in due versioni, analcolica e alcolica, ed è un omaggio alla menta di Pancalieri fresca e dissetante. Nel versione alcolica si aggiungono, Italian Vodka miscelata con sciroppo di menta, Rosolio Italicus e acqua tonica.  Il Conte Rosso, invece, è un cocktail a base di Vermouth rosso italiano antica formula, Gin Villa Ascenti, Bitter Riserva Premium e velluto di marron glacè. Due ottimi cocktail da sorseggiare, accompagnati ai celebri tramezzini, comodamente seduti negli aulici saloni liberty del celebre caffè Platti di Corso Vittorio Emanuele II, 72 a Torino.

il Conte Rosso
il Conte Rosso

Platti: la storia del locale inizia nel 1870 quando nella prima capitale d’Italia apre la liquoreria “Principe Umberto”, poi rilevata da Ernesto e Pietro Platti e ribattezzata Caffè Platti nel 1875Platti è un’istituzione torinese, punto di riferimento sociale e culturale per tutto il corso del ‘900. Le sue sale Liberty erano il ritrovo di intellettuali, politici, poeti e imprenditori sabaudi che amavano trascorrere qui le loro giornate parlando d’affari e politica e festeggiando le ricorrenze. Sui divani rossi, tra stucchi e specchi, veniva a leggere Luigi Einaudi, secondo presidente della Repubblica Italiana, a scrivere Cesare Pavese che incontrava qui l’editore Giulio Einaudi. È d’innanzi alle sue vetrine che, nel novembre del 1897, venne fondata la Juventus FC.  Oggi il locale fa parte del gruppo torinese Gerla 1927.

Ivan Alizzo: nato nel sud delle Eolie, a Salina, ama richiamare nei suoi drink i profumi e i sapori della sua isola. Inizia a soli 15 anni la carriera a Salina fino a diventare barman del resort 5 stelle Capo Faro e successivamente ricoprire il ruolo di capo barman Da Alfredo, famosissimo locale dell’arcipelago. Lavora in Italia e in Spagna prima di approdare a Torino, prima collaborando con chef emergenti per abbinare i cocktail ai loro piatti e poi da Platti, dove oggi ricopre il ruolo di capo barman

Caffè Platti
Corso Vittorio Emanuele II, 72
Torino
www.platti1875.com

ALESSANDRO SARTORE
Servizio a cura di Alessandro Sartore

 

 

Articolo precedenteStreglio. Marchio storico dell’eccellenza Piemontese
Articolo successivoAltre due perturbazioni in settimana, freddo e neve a bassa quota