colomba

La finale il 4 marzo a Bari: le migliori colombe tradizionali, al cioccolato e salate saranno premiate lunedì 4 marzo  

divinaSaranno 40 i lievitati finalisti che si contenderanno la finale dell’edizione 2024 di “Divina Colomba, il concorso organizzato da Goloasi che in vista della prossima Pasqua premierà le colombe artigianali più buone dell’anno. Dopo tre giorni di intenso lavoro per gli assaggi alla cieca, la commissione tecnica ha definito quali saranno le colombe candidate alla degustazione finale della sesta edizione del contest che decreterà, lunedì 4 marzo 2024 a Bari, la Miglior Colomba Artigianale d’Italia nelle tre categorie del concorso.

Oltre 200 gli artigiani che si sono messi in gioco per l’edizione 2024 del contest. 20 saranno le candidate al podio di “Miglior Colomba Tradizionale”, quindi quella con canditi di agrumi, 15 per la “Miglior Colomba al Cioccolato”, rigorosamente con impasto scuro, e 5 per la categoria novità di quest’anno: “Miglior Colomba Salata”. A definire i migliori lievitati della tradizione pasquale, assegnando una valutazione unanime per ognuna delle oltre 300 colombe assaggiate, è stata la commissione tecnica composta da professionisti del settore: Claudio Gatti, Maurizio Cossu, Daniele Scarpa, Alessandro Bertuzzi, Claudio Colombo e Paolo Caridi.

Sempre a loro, spetterà il compito di assaggiare nuovamente i lievitati nel corso della degustazione finale che si svolgerà lunedì 4 marzo 2024 all’Hotel Parco dei Principi di Bari e in diretta streaming, e che sarà seguita dalla proclamazione dei vincitori.

“Sono stati tre giorni intensi ma molto proficui. – ha commentato Massimiliano Dell’Aera, fondatore di Goloasi e ideatore del concorso – Ritengo che la sperimentazione della giuria a confronto si sia rivelata una strategia vincente. In fase di assaggio i giudici hanno potuto confrontarsi fra loro condividendo un singolo voto per ogni colomba, cosa che punta a rendere il concorso ancora più limpido ed equilibrato. La prerogativa dell’utilizzo dell’impasto scuro nella colomba al cioccolato è stata una bella sorpresa e gli artigiani hanno realizzato degli ottimi prodotti, dimostrando grande impegno. Anche per la categoria colomba salata ci sono state proposte molto interessanti con l’utilizzo di diversi tipi di formaggi e salumi, abbinati alla cipolla rossa caramellata, ai funghi porcini, ad erbe particolari o a prodotti piccanti”

Il contest Divina Colomba è rivolto a tutti i titolari, familiari e dipendenti di attività con sede in Italia che producono colombe artigianali nell’assoluto rispetto del disciplinare di legge (Decreto 22 luglio 2005 Disciplina della produzione e della vendita di taluni prodotti dolciari da forno. GU n. 177 del 1-8-2005) e che si impegnano ad utilizzare solo lievito madre fresco e canditi senza anidride solforosa e a non utilizzare conservanti, emulsionanti, mono e digliceridi, oltre a coloranti o aromi artificiali. Non vi è alcun vincolo di utilizzo di materie prime, pertanto i partecipanti sono liberi di utilizzare gli ingredienti che abitualmente usano.

Tutte le informazioni sul concorso sono sul sito www.goloasi.it e sulle pagine social ufficiali Divina Colomba.

ELENCO FINALISTI

“Miglior Colomba Tradizionale” 

  • Riccardo Manduca – Solodamanduca – Aprilia (Lt) – Lazio
  • Michele Iazzetta – Pasticceria Francesco Iazzetta –            Cardito (Na) – Campania
  • Massimiliano Maiorano – La Forneria – Napoli – Campania
  • Domenico Petronella  – Maison Petronella – Altamura (Ba) – Puglia
  • Pasquale Pesce – Pasticceria Pesce 1896 – Avella            (Av) – Campania
  • Antonio Masulli – Caffè Masulli – Somma Vesuviana (Na) – Campania
  • Gianluca Cecere – Cecere Visionary Dessert – Napoli – Campania
  • Matteo Papanice – Cresci – Castellana Grotte (Ba) – Puglia
  • Alessandro Izzo – Nobile – Castellamare Di Stabia            (Na) – Campania
  • Vanna Scattolini – Madamadorè – San Pietro in Cariano (Vr) – Veneto
  • Roberto Moreschi – Roberto Pastry Bakery – Chiavenna (So) – Lombardia
  • Luigi Barbagallo – Squisito – San mango d’Aquino (Cz) – Calabria
  • Antonio Costagliola – Pasticceria Guantiera Bacoli            (Na) – Campania
  • Manuel Turco – Caffetteria del Centro – Rende (Cs) – Calabria
  • Mattia  Orso – Pasticceria Mimosa – Fermo – Marche
  • Fiorenzo Ascolese – La Boutique dei Lievitati – San Valentino Torio (Sa) – Campania
  • Vito Saccente – Panificio Saccente – Palo del Colle            (Ba) – Puglia
  • Antonio Fabozzi – A.F. Pasticceria – Casal di Principe (Ce) – Campania
  • Michele Falcone – Pasticceria Falcone – Vieste (Fg) – Puglia
  • Cinzia Falleri – I Lievitati di Cinzia – Cinquale di Montignoso (Ms) – Toscana

“Miglior Colomba al Cioccolato”

  • Roberto Catelli – Pasticceria Caesar – L’Aquila – Abruzzo
  • Leonardo Romano – Pasticceria Pesce 1896 – Avella (Av) – Campania
  • Enzo Martuccio – Pasticceria Enzo Martuccio – Colle Sannita (Bn) – Campania
  • Lorenzo Perilli – Il Brezel – San Nicandro Garganico (Fg) – Puglia
  • Francesco Flammini – Pasticceria Sibilla – Visso (Mc) – Marche
  • Luca Pirro – Gelati Noir – San Marco In Lamis (Fg) – Puglia
  • Antonio Masulli – Caffè Masulli – Somma Vesuviana (Na) –        Campania
  • Matteo Ripani  – Pasticceria Cardenà – Sant’Elpidio a Mare (Fm) – Marche
  • Camillo La Morgia – Crema e Cioccolato – Lanciano (Ch) – Abruzzo
  • Raffaele Romano – Gran Caffè Romano – Solofra (Av) – Campania
  • Gianluca Cecere – Cecere Visionary Dessert – Napoli – Campania
  • Fiorenzo Ascolese – La Boutique dei Lievitati – San Valentino Torio (Sa) – Campania
  • Antonio Scalese – Bubbo Brunella Bakery – Cerva (Cz) – Calabria
  • Salvatore Sgrizzi – Mazzitelli Panificio Pasticceria – Rescaldina (Mi) – Lombardia
  • Mattia Buffolo  – Campana Select Food – Palestrina            (Rm) – Lazio

“Miglior Colomba Salata”

  • Matteo Papanice – Cresci – Castellana Grotte (Ba) – Puglia
  • Stefano Bianco – Pasticceria Bianco – Lecce – Puglia
  • Sergio Scovazzo – Grano Fornai in Fermento – Santena (To) – Piemonte
  • Fiorella Ciardi – Dolci&Salati – Castellabate (Sa) – Campania
  • Davide Muro – Antica Pasticceria Castino – Pinerolo (To) – Piemonte
Articolo precedente“Il mondo di Tim Burton” a Torino fino al 7 aprile
Articolo successivoGli Statuto dal vivo a Milano | giovedì 29 febbraio