ENGINE

Il via al nuovo movimento dove la sostenibilità, ambientale e umana

è al centro, ora anche nel mondo degli spirits.Massimo Bottura

Massimo Bottura


Fuel for your soul” segna l’inizio di una nuova era per il mondo degli spirits. L’intento di Paolo Dalla Mora, ceo e founder di ENGINE, è di prendere ispirazione dalla filosofia “Food for soul”, l’organizzazione no profit fondata dallo chef Massimo Bottura e da sua moglie Lara Gilmore per contrastare lo spreco alimentare e l’isolamento sociale, dando luce e voce al potenziale di persone, luoghi e cibo.

L’appuntamento è per martedì 2 novembre 2021 alle ore 17 in diretta sulla pagina Instagram di Engine @ginengine per affrontare questi temi insieme a Massimo Bottura @massimobottura. La registrazione sarà disponibile subito dopo la diretta.

«Siamo partiti solo da due anni come una start up nel mondo del gin e ora siamo parte di una multinazionale, ILLVA Saronno Holding, che ha acquisito una partecipazione di minoranza qualificata. Con una crescita così rapida mi sento di dover restituire qualcosa al mondo, di lasciare un segno del mio passaggio e lasciare qualcosa. Per ENGINE è importante il fattore B.

B come BE Human, B come Human Being, B come biologico e, non da ultimo, B come Bartender: per noi è necessario porre l’uomo al centro di tutto. E lo vogliamo fare per la prima volta nel settore degli spirits. Siamo vicini ai bartender, una categoria professionale che dopo due anni di pandemia ha sofferto in modo considerevole. Abbiamo già iniziato un percorso per diventare la prima B Corp certificata del mondo spirits, perché oltre a perseguire il profitto, puntiamo a innovare continuamente per massimizzare l’impatto positivo verso i dipendenti, le comunità in cui operiamo e, non da ultimo, l’ambiente», spiega Paolo Dalla Mora.   ENGINE ha fatto della sostenibilità il suo marchio distintivo: un gin 100% Made in Italy, biologico, fatto con materie prime selezionate con la massima cura, che conserva un forte legame con la tradizione piemontese, grazie alla salvia e al limone, due ingredienti posti al cuore del suo corredo di botanicals.

«Vorremo essere i capifila di un movimento culturale che porti a coinvolgere tanti brand, ma soprattutto persone, del mondo degli spirits. Il settore food e della ristorazione sono molto avanti in questa ricerca. Noi intendiamo essere gli apripista nel settore del beverage», conclude Paolo Dalla Mora.

ENGINE
Nato da un’idea di Paolo Dalla Mora, imprenditore nel settore della moda, degli spirits, e del food (tra cui l’osteria Campamac a Barbaresco, luogo di culto per tartufi e vini), gin ENGINE celebra un immaginario fatto di lattine di olii e carburanti, gare di motocross e veicoli da corsa – da sempre passione del suo ideatore –, nel ricordo dei grandi miti degli anni ‘80 come l’intramontabile Dodge Charger, l’auto ribattezzata Generale Lee nella fortunata serie tv Hazzard.

Con la volontà di far rivivere questi anni, ENGINE ha deciso di coinvolgere particolari testimonial d’eccezione, legati ad un immaginario che ha segnato un’intera generazione. 

Celebre su tutti è il pupazzo rosa UAN con in mano una lattina di gin Engine mentre indossa una felpa della collezione ready to wear, in lancio questa primavera dal brand, a rappresentare un mondo di contaminazioni stilistiche ancora oggi attuali.  Ogni dettaglio del progetto – a partire dal nome, che significa infatti “motore” – è un omaggio proprio a quel mondo di auto e officine caro agli appassionati, ma anche parte di una memoria collettiva più ampia: ENGINE infatti non ha una classica bottiglia ed è contenuto in una vera e propria tanica di latta da mezzo litro – con tappo a vite – che evoca l’iconico contenitore per l’olio delle macchine o per la miscela della Vespa, il Ciao, il Sì, mezzi a due ruote diventati simboli per le generazioni di quegli anni.  Il packaging è originale anche nella grafica che nei suoi vari dettagli è un tributo a segni caratteristici del mondo delle macchine, come la spia dei vecchi Land Rover racchiusa dentro uno scudo d’oro, e il numero 01 che richiama le auto da corsa e la mitica Lancia Delta S4.

Note degustative:
ENGINE si contraddistingue per un carattere deciso in cui i profumi balsamici del ginepro sono completati dalle fresche note delle scorze di limone e dall’intenso profumo di salvia, su elegante sottofondo floreale; all’assaggio mantiene un’ottima corrispondenza gusto olfattiva con finale leggermente amaricante delle foglie di salvia, mentre le note dolci della radice di liquirizia danno al prodotto un ideale il bilanciamento finale. La distillazione avviene sottovuoto a bassissime temperature grazie all’uso di un evaporatore rotante di ultima generazione – il brillante motore di questo gin – permettendo una concentrazione elevata di aromi e profumi totalmente naturali. ENGINE è disponibile nei migliori cocktail bar e sul sito www.engine.land ENGINE #fuelthedream

Articolo precedenteMilano. Parco Esposizioni di Novegro: calendari prossimi eventi – 2022
Articolo successivoMilano. Mostra personale “REDAELLI L’arte in codice” allo Spazio HUS