Libri Marzo 2020 r
Libri Marzo 2020 R

 

PER SOLE DONNE

“Era stata una scopata noiosissima. Adelaide si era addormentata a metà, mentre Andrea gliela leccava”. È il fulminante inizio di questo primo romanzo di Veronica dopo due esilaranti bestseller autobiografici. Adelaide fa l’antiquaria, ha un marito più giovane di lei con cui è in crisi, una madre complice e saggia nonostante un principio di arteriosclerosi, e quattro amiche vere, che come lei stanno attraversando la crisi dei 50 anni.

Veronica Pivetti (Mondadori)

 

AH L’AMORE L’AMORE

Una nuova indagine per Rocco Schiavone costretto a indagare da un letto di un ospedale per un caso di malasanità. E intanto il vicequestore ha quasi cinquant’anni, certe durezze si attenuano, forse un amore si affaccia. Sullo sfondo prendono più rilievo le vicende private della squadra. E immancabilmente un’ombra, di quell’oscurità che mai lo lascia, osserva da un angolo della strada lì fuori.

Antonio Manzini (Sellerio)

 

IL GIORNO MANGIA LA NOTTE

Milano, estate. Le vite di tre sconosciuti all’improvviso s’intrecciano l’una con l’altra a doppio filo. Giorgio, 50enne ex pubblicitario rampante, un uomo cinico, separato dalla moglie Marina di cui è ancora innamorato; Naima è una bella ragazza 25enne, pratica kickboxing e lavora come insegnante di sostegno in una scuola elementare; Stefano, figlio di Giorgio, è un 28enne violento, praticante avvocato e braccato dai debiti.

Silvia Bottani (SEM)

 

UNA DONNA NORMALE

La “donna normale” del titolo è un’agente dei Servizi segreti italiani, nome in codice Ice, che sorveglia gli infiltrati nelle moschee. Nella vita privata, Ice è un’altra persona: Aba Abate, madre e moglie, che tutti – amici e familiari compresi – credono una semplice funzionaria ministeriale. Gestire una doppia vita non è facile e anche se Aba è allenata a farlo da sempre, la missione in cui è coinvolta la mette a dura prova.

Roberto Costantini (Longanesi)

 

LA MEMORIA RENDE LIBERI

“Un conto è guardare e un conto è vedere, e io per troppi anni ho guardato senza voler vedere”.Liliana ha 8 anni quando nel 1938 le leggi razziali fasciste si abbattono con violenza su di lei e sulla sua famiglia: come “alunna di razza ebraica” viene espulsa da scuola e a poco a poco il suo mondo si sgretola, diventa “invisibile”. Enrico Mentana raccoglie le memorie di una testimone d’eccezione in un libro crudo e commovente, ripercorrendo la sua infanzia, il rapporto con l’adorato papà Alberto, le persecuzioni razziali, il lager, e la gioia ritrovata grazie all’amore del marito Alfredo e ai 3 figli.

Enrico Mentana-Liliana Segre (Rizzoli)

 

tratto da:

italiadagustare Marzo 2020        Milano 24orenews Marzo 2020         Roma 24orenews Marzo 2020

Cover IDG Marzo 2020Cover MI24 Marzo 2020 Cover RM24 Marzo 2020