24orenews Web E Magazine

LA CULTURA DELL’OSPITALITA’

Le collezioni d’arte degli albergatori in Valle d’Aosta

Aosta, Museo Archeologico Regionale

Piazza Roncas, 12

4 dicembre 2010 – 25 aprile 2011

AOSTA. Presso il Museo Archeologico Regionale di Piazza Roncas ad Aosta, La cultura dell’ospitalità, un’inedita esposizione di opere collezionate dagli albergatori valdostani. La mostra, organizzata dall’Assessorato Istruzione e Cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta e promossa in collaborazione con l’Associazione degli Albergatori della Valle d’Aosta, indaga un aspetto poco noto del collezionismo in Valle d’Aosta, legato alla nascita dell’industria turistica e allo sviluppo della cultura dell’accoglienza.

L’esigenza di ospitalità evidenziata dai primi viaggiatori sul finire del Settecento diventa in Valle d’Aosta il motore per la creazione di strutture ricettive ad opera dei più intraprendenti valligiani. Se la domanda iniziale era dovuta alla ricerca di paesaggi incantevoli che facessero dimenticare i disagi da affrontare in quell’epoca per raggiungerli, la richiesta di ospitalità crebbe con l’offerta di cure termali e trovò nuova linfa con la nascita e la diffusione dello sci nel secolo appena trascorso. Accanto alle montagne e ai paesaggi incantevoli, la Valle d’Aosta offriva inoltre al visitatore numerose e ben conservate vestigia romane, monumenti e opere d’arte. Nelle oltre ottanta opere, tra quadri e sculture, selezionate per la mostra da una équipe di esperti con la cura di Alessandro Parrella, il percorso espositivo permetterà di scoprire il volto artistico del Sen.

Amintore Fanfani accanto ai grandi paesaggisti del tardo Ottocento e ai pittori del Novecento (Mario Sironi, Andrea Tavernier, Alessio Nebbia, Cesare Maggi, Luigi Balzola, Leonardo Roda, Leonardo Bazzaro e Giovanni Giani, e altri). Sono presenti inoltre opere di autori valdostani: Italo Mus, Francesco Nex, Franco Balan, Etto Margueret, Chicco Margaroli, Massimo Sacchetti, Barbara Tutino Elter, Franco Grobberio, Tonino Yaku, Giancarlo Zuppini, Siro Viérin, tra gli altri.

L’Assessore Laurent Viérin sottolinea “Sono particolarmente lieto di presentare al pubblico questa esposizione che nasce da un’idea condivisa con l’Associazione degli Albergatori della Valle d’Aosta e vuole far scoprire un aspetto poco noto del collezionismo della nostra regione, favorendo la fruizione e la valorizzazione del patrimonio artistico locale. Il visitatore potrà così ripercorrere le sale di un albergo ideale e soffermarsi ad ammirare le opere in mostra costituite da una selezione di dipinti e sculture. Nel corso degli anni le strutture alberghiere valdostane non si sono solo limitate a fornire servizi attraverso la cultura dell’ospitalità ma hanno cercato di appagare anche la sensibilità degli ospiti attraverso l’arte”.

L’importanza di questa esposizione nelle parole di Silvana Perucca, Presidente ADAVA: “Il progetto di questa esposizione nasce dal desiderio di approfondire il significato di accoglienza negli alberghi della Valle d’ Aosta; l’acquisto di un’opera d’arte è per un albergatore il prosieguo di una continua ricerca volta a soddisfare le aspettative dei propri ospiti non solo dal punto di vista del servizio quanto per la capacità che le opere d’arte hanno di trasmettere emozioni e suggestioni spesso legate alla tradizione ed alla cultura del nostro territorio. Ringrazio dunque l’Assessore regionale all’Istruzione e Cultura Laurent Viérin per il risalto che l’esposizione ha voluto dare alla cultura della nostra ospitalità ed alla passione che ogni giorno gli albergatori valdostani investono nel loro lavoro”. La mostra, che resterà aperta sino al 25 aprile 2011, sarà accompagnata da un catalogo-agenda bilingue italiano-francese, che contiene un testo critico del prof. Marco Cuaz, edito dalla Tipografia Duc, Saint-Christophe, e posto in vendita al costo di euro 12,00.

 

Biglietti: E 3,00 intero, E 2,00 ridotto, riduzione 50% soci TCI, gratuito per i minori di 18 anni e per i maggiori di 65.

 

Scheda riepilogativa:

LA CULTURA DELL’OSPITALITA’ Le collezioni degli albergatori in Valle d’Aosta

Aosta, Museo A

Articolo precedentedolomiti.it: maggio e la dolce vita in Alto Adige
Articolo successivoFRIULI VENEZIA GIULIA. PORDENONE. CORSI POST LAUREA: ”PROTOCOLLO VEA E QUALITÀ DEL COSTRUITO” – selezioni 28 marzo 2011