foto Tac AI
L’intelligenza artificiale si applica anche alla diagnosi mediche
Venerdì 31 maggio a Uniser saranno presentati i risultati di una ricerca condotta con il progetto IACTA per ridurre le radiazioni nelle Tac
Si parlerà di intelligenza artificiale applicata alla diagnostica medica nel nuovo appuntamento con gli Incontri del venerdì. Nella sede di Uniser (via Sandro Pertini, 368 a Pistoia) il 31 maggio alle 16,30 si aprirà l’iniziativa “Il progetto IACTA intelligenza artificiale applicata alla tomografia computerizzata e all’astrofisica: risultati e prospettive”.
«Il progetto IACTA – spiega Giacomo Poggi, consigliere Uniser e moderatore dell’incontro – sfrutta l’intelligenza artificiale e le tecniche dell’astrofisica per innovare la diagnostica medica. Uno degli obiettivi è ridurre le radiazioni somministrate ai pazienti nel corso delle Tac, mantenendone la stessa efficacia. Grazie a queste tecnologie, nelle prime fasi di ricerca è già stato dimostrato un calo di radiazioni superiore al 30 per cento. Un dato particolarmente rilevante se si considera che in Italia ci sono più di duemila apparecchi per Tac e che solo nel 2020 sono stati effettuati oltre 4,8 milioni di esami». Il progetto IACTA è finanziato dall’Azienda Sanitaria Toscana Centro, dall’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi e da Fondazione Uniser Pistoia.
All’incontro, con ingresso libero e gratuito, parteciperanno Simone Agostini, medico radiologo della AOU-Careggi e Sandra Doria, ricercatrice del CNR. Gli Incontri del venerdì sono promossi dalla Fondazione Uniser Pistoia e dall’Università Vasco Gaiffi.
Fondazione Uniser Pistoia è l’ente strumentale di Fondazione Caript che si occupa di ricerca, innovazione e alta formazione, ospitando corsi e promuovendo direttamente attività. Fra queste ultime rientrano la creazione di CARME, Centro per la ricerca sulla didattica della matematica oltre che la promozione della letteratura come strumento turistico, lo studio dell’intelligenza artificiale applicata alla terapia, alla diagnostica medica e all’astrofisica, l’educazione costituzionale, l’economia verde e l’attività formativa collegata al Terzo settore. Fondazione Uniser Pistoia accoglie fra gli altri il corso di laurea in infermieristica e i corsi di fisioterapia dell’Università di Firenze e dell’ Azienda USL Toscana centro, i corsi dell’Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti (ISFORT spa), le lezioni di due ITS Prime in meccanica e automazione, il Distretto per le tecnologie Ferroviarie, l’Alta Velocità e la Sicurezza delle Reti (DITECFER scarl), i corsi dell’Università Vasco Gaiffi, le attività di conciliazione portate avanti dalla Fondazione Forense.
Articolo precedenteEmergenza siccità da Etiopia a Sicilia
Articolo successivoRoma. Ambasciata Irakena Mostra Collettiva