Aspria Charity Open 2022

Questo week end si è svolta la decima edizione della sfida benefica a colpi di racchetta sui campi da tennis e padel dell’Aspria Harbour Club, oasi di sport e relax in zona San Siro – Milano, in collaborazione con Makers.

Nella giornata di sabato si sono sfidati sui campi da tennis dell’Harbour 96 giocatori suddivisi in due categorie, 48 professionisti e 48 amatori, a formare 8 squadre in due gironi all’italiana. È stata la squadra BCS – Soluzioni e Servizi IT formata da Giuseppe Fumagalli, Luca Battocchio, Marta Maddalena, Mario Caporali, Fabio Tonelli, Jovan Jevtovic, Marcello Ferraiolo, Jacopo Gadarco, Vinicius Trevisan, Corrado Erba e Tommaso Castelli ad aggiudicarsi la coppa del torneo di tennis.

La domenica, invece, il torneo di padel per il quale si sono schierati 48 giocatori24 professionisti e 24 amatori, ha visto vincitrice la squadra ArtSwiss costituita da Nicola Amoruso, Alessandro Budel, Gianluca Lojacono, Luca Corsini, Chiara Melina, Gianluca Damonti e Francesco Matteucci.

Punto di forza del torneo è da sempre quello di rappresentare un trait d’union tra tutti gli amanti della racchetta, professionisti e amatori, che si sono sfidati a scopo benefico capitanati dai maestri di Aspria Harbour Club.

Un richiamo all’azione quello di Aspria Harbour Club Milano, che ha registrato tra i partecipanti e gli spettatori sui campi da tennis anche volti noti dello sport come Serginho, Nelson Dida, Mario Ielpo, Francesco Coco e importanti nomi del tennis come Marco Crugnola, Corinna Dentoni e Corrado Borroni e per la giornata di domenica sui campi da padel Nicola Amoruso, Demetrio Albertini e Cristian Brocchi.

Tante le associazioni benefiche coinvolte nel grande evento solidale, l’Aspria Charity Open, giunto alla sua  decima edizione e volto a raccogliere fondi a favore della ricerca e della solidarietà, che per la prima volta ha affiancato, oltre al tradizionale torneo di tennis anche un torneo di padelFondazione Telethon, che promuove la ricerca sulle malattie genetiche rare, AIRP, che supporta la ricerca scientifica per la cura della malattia del Rene Policistico, Gruppi di Volontariato Vincenziano (AIC Italia) che agiscono in aiuto dei più poveri e in ultimo, ma non per importanza, Alberto Sbrescia ASDPS, che si occupa di iniziative in favore di giovani in condizioni di particolare disagio economico e sociale per avviarli alla disciplina del tennis.

Questo connubio tra sport e solidarietà ha permesso di contribuire a donare un’offerta per sostenere con maggiore forza queste importanti cause.

Articolo precedenteNatale di solidarietà a Bologna
Articolo successivoCamerino. Tinto narra la storia del prodotto simbolo della Città Ducale