GiocaJudo
  • Il 90% dei finalisti provengono dalla regione ospitante Lombardia
  • Di Bergamo, Brescia, Varese, Mantova le palestre più rappresentate sui tatami tricolori
Sono 336 le cinture pronte a stringersi sui tatami “tricolori” del Palazzetto dello Sport di Roncadelle (BS) dove è in programma la diciottesima edizione del Campionato Nazionale di Judo del Centro Sportivo Italiano, in calendario da venerdì 18 a domenica 20 novembre. Un dato evidente su tutti: la metà dei finalisti ha meno di 11 anni e gareggiano (a terra e in piedi) nel GiocaJudo riservato ai preagonisti dove non sono ammesse leve, strangolamenti o tecniche pericolose.

Sono 35 le società arrivate in finale, palestre rappresentative di 11 comitati arancioblu ed espressione di 3 regioni italiane (Lombardia, Emilia Romagna, Umbria). La regione ospitante, la Lombardia sarà anche quella con più kimono in gara (299), mentre le province con il maggior numero di pretendenti al titolo sono quelle di Bergamo con 89 finalisti e dieci società finaliste; Brescia con 60 (e il maggior numero di ragazze presenti, 21), Varese con 52 e Mantova con 40. A seguire Milano, Bologna, Como, Gubbio, Ravenna.

Forza fisica e morale, alla ricerca di un ippon, tra leve e prese sono pronte a spargersi nel corso della competizione dedicata alle categorie agonisti in una delle arti marziali più praticate in ambito associativo. A bordo tatami, imprescindibili nella manifestazione agiranno 16 fra arbitri, presidenti di giuria e commissario gara. I più piccini tra i partecipanti sono Ivan Frisoni della Judo Samurai Fino Mornasco (Como) e Jacopo Cremonini della Judo Fuji-Yama (Mantova) entrambi compiranno 8 anni alla vigilia di Natale 2022.

Il campionato partirà venerdì 18 nel pomeriggio con i pesi per le categorie Fanciulli/Ragazzi ed Esordienti A e B ambosessi. Attesi una settantina di campioni nazionali: per ogni categoria infatti verrà eletto il nuovo campione per classi di peso, indipendentemente dal colore della cintura.

Sabato, dopo la cerimonia di apertura (ore 9) cinture ben strette e prime medaglie in palio. Cominceranno a combattere dalle ore 9.30 le categorie giovanili Fanciulli/Ragazzi (un minuto e mezzo gli incontri), mentre dalle 15 entreranno in gioco gli Esordienti A e B ambosessi (rispettivamente due o tre minuti di gara).

Le categorie più adulte (fino a 4 minuti effettivi la durata dei loro combattimenti) Cadetti, Juniores, Seniores, entreranno in scena dopo la pesa solo nella giornata di domenica mattina. Come sempre la commissione tecnica nazionale di Judo stilerà una speciale classifica per le società sportive, assegnando diversi punteggi in base ai piazzamenti ottenuti.