UEFA Nations League
Uefa Nations League

I PRINCIPALI RISULTATI DI CALCIO INTERNAZIONALE ALLA VIGILIA DELLA SOSTA

I principali campionati europei si fermo di nuovo per lasciare spazio alla Nations League, competizione che vedrà la nazionale di calcio italiana impegnata sabato prossimo contro il Portogallo, partita nella quale molto probabilmente non ci sarà il fenomeno juventino CR7.

In attesa dei risultati di questa nuova competizione targata UEFA andiamo quindi a fotografare la situazione dei vari campionati europei, analizzando i principali risultati di calcio internazionale maturati nell’ultima giornata prima di questa sosta.

Serie A: La Juve domina a San Siro e allunga in campionato

Cominciando proprio dal campionato italiano, il posticipo di domenica scorsa tra Milan e Juventus si è concluso per 2-0 a favore degli ospiti, con Mandzukic e Cristiano Ronaldo mattatori della serata.

Juve Milan 2-0

Da segnalare anche il rigore fallito dall’ex più atteso, Gonzalo Higuain, che non concretizza a rete un tocco di mano in aera di Benatia non visto dall’arbitro ma segnalato dal VAR. Con questo successo i bianconeri tornano a +6 in classifica sul Napoli, mantenendo stabile la loro posizione di prima della classe.

Male invece l’Inter, distante 9 punti dalla capolista, che si fa infilare per 4 volte dall’Atalanta del Papu Gomez, autore di una delle reti del pokerissimo calato dalla Dea.

Pari della Lazio invece col Sassuolo, che vale attualmente ai biancocelesti il quarto posto della classifica, vista la sconfitta dei rossoneri a San Siro. L’1-1 del Mapei Stadium è frutto delle reti di Parolo e Ferrari, maturate entrambe nel primo tempo e a soli 8 minuti di distanza l’una dall’altra.

Infine da segnalare la convincete prestazione della Roma, che in casa batte la Samp di Giampaolo per 4-1 non senza qualche polemica dovuta all’utilizzo del VAR, sul quale il tecnico blucerchiato Giampaolo ha espresso nel postpartita qualche perplessità circa l’uniformità di utilizzo e applicazione.

Da segnalare in questa sfida la doppietta del romanista Stephan El Sharaawy, che al minuto 72 e al 93’ segna due reti pesanti per la sua squadra.

Premier League: il City vince il derby contro lo United

Che il gesto polemico di José Mourinho all’Allianz Stadium abbia scatenato l’ironia e la rabbia dei tifosi sui social è stato più che acclarato; ma a quanto pare le scorie di tale comportamento sono valse allo Special One anche una clamorosa sconfitta nella partita più attesa dai tifosi dei Red Devils, ossia i derby contro il City di Guardiola, altro nemico giurato del tecnico portoghese.

Il 3-1 dei Citizens, firmato da David Silva, Aguero e Gundogan serve quindi a mantenere ben salda la testa della classifica, con rispettivamente 2 e 4 punti di vantaggio su Liverpool e Chelsea.

Per quanto riguarda invece i Reds, la vittoria per 2-0 contro il Fulham è la conferma della volontà di lottare con il City fino alla fine per la conquista del titolo britannico. Il pareggio contro l’Everton a reti bianche certifica infine la terza piazza per i Blues di Maurizio Sarri, che è l’unico allenatore della Premier League a non aver perso nemmeno una delle 12 giornate di campionato disputate fino a qui, grazie a un bottino di 8 vittorie e 4 pareggi.

Al di fuori del terzetto delle big favorite per il titolo di campione d’Inghilterra, il Tottenham mantiene la quarta posizione in classifica battendo di misura il Crystal Palace con un gol di Foyth.

Pareggiano per 1-1 invece West-Ham e Arsenal, coi Gunners al quinto posto in classifica e a una distanza di 3 punti dagli Spurs di Harry Kane.

Per quanto riguarda poi la parte bassa della classifica di premier League, le vittorie di Cardiff e Newcastle, entrambe col punteggio di 2-1 e maturate rispettivamente contro il Brighton e il Bournemouth, sono importanti in ottica salvezza.

Liga spagnola: tonfo Barça, Real rinvigorito dalla cura Solari

Passando invece in rassegna i risultati dell’ultima giornata della Liga spagnola, segnaliamo prima di tutto la clamorosa sconfitta interna della capolista Barcellona contro il Betis.

Il 4-3 a favore dei giocatori in maglia biancoverde è frutto di un doppio vantaggio firmato inizialmente da Junior e Joaquin, con Sua Maestà Leo Messi che subito accorcia le distanze su rigore; ma la rete di Lo Celso al minuto 71 porta il Betis sul 3-1.

La reazione blaugrana arriva con il gol dell’ex bianconero Arturo Vidal, a rete al minuto 79, ma è del tutto inutile: infatti Canales porta il Betis sul 4-2 all’83’, mettendo definitivamente in ghiaccio la partita.

In pieno recupero la Pulce segna infine il gol del 3-4, certificando un risultato negativo sì, ma che per quanto riguarda la classifica è abbastanza ininfluente: infatti c’è ancora un punto che separa la capolista dal Siviglia, secondo a quota 23 punti e vittorioso per 2-1 contro l’Espanyol.

Per quanto riguarda invece il Real Madrid, l’arrivo di Solari sulla panchina che fu di Lopetegui sembra aver palcato gli animi e rimesso in carreggiata la macchina da gol in maglia bianca: infatti il 4-2 maturato contro il Celta Vigo ha due firme prestigiose, ossia quelle di Benzema e Sergio Ramos, che assieme a un’autorete di Cabral e alla rete di Ceballos portano in dote 3 punti preziosi per la classifica.

Il sesto posto a quota 20 punti e le 3 lunghezze di svantaggio rispetto ai rivali dell’Atletico – terzi in classifica e vittoriosi per 3-2 contro l’Atletico di Bilbao nell’anticipo di sabato scorso – sono ancora il risultato di una crisi profonda, ma che comunque sembra con l’arrivo di Solari una cura abbastanza efficace, in attesa di allenatori dai nomi altisonanti, come ad esempio quello di Antonio Conte, che per ora ha rifiutato l’ingresso in corsa sulla panchina dei Blancos.

Ligue 1, tredicesima giornata: sconfitta Montpellier, pareggio Lilla, poker del PSG

Il dominio del Paris Saint Germain in Francia è oramai una certezza: i 13 punti di vantaggio sulla seconda, il Lilla, certificano un monopolio frutto di una squadra cinica e – perlomeno in patria – capace di imporre il proprio gioco sia in casa che in trasferta.

A questo proposito, la partita giocatasi in casa del Monaco è fruttata ben 4 reti alla squadra di Tuchel, di cui 3 tutte a firma dell’uruguayano Edinson Cavani, che nel giro di 7 minuti segna subito due gol, per poi portarsi a casa il pallone della partita al minuto 53.

Il quarto sigillo è invece opera del fenomeno brasiliano Neymar, che su rigore segna al 64’ il definitivo 4-0 per gli ospiti.

Il Lilla, seconda forze del campionato, pareggia invece in casa contro la modesta formazione dello Strasburgo, mantenendo un solo punto di vantaggio sul Montpellier, terzo a quota 25 e reduce da una sconfitta in trasferta per 1-0 contro l’Angers.

Il Lione invece occupa stabilmente la quarta piazza e vince per 4-2 contro il Guingamp in trasferta. Resta un solo punto da recuperare agli uomini di Genesio per raggiungere il terzo gradino del podio, impresa che sembra essere alla loro portata.

L’Olympique Marsiglia infine passa per 2-0 contro il Digione in casa, ma la sua situazione di classifica è tutt’altro che rosea: infatti i 22 punti accumulati in 13 giornate di campionato gli valgono il sesto posto assoluto, con 2 sole lunghezze di vantaggio sul Nizza di Balotelli, vittorioso per 1-0 a Nimes, e una da recuperare sul Saint Etienne, anch’esso reduce da una vittoria per 2-0 contro il Reims.