Toyota bZ4X

A cura di Luca Medici
luca@my-home.biz
Luca Medici

Recentemente abbiamo raccontato della prima elettrica in casa Lexus, la UX300e, oggi vi sveliamo la prima elettrica Toyota, la suv media made in Japan che è quasi pronta al lancio sul mercato. Questa spaziosa 4×4 è il primo modello Toyota ad utilizzare il logo bZ, “beyond Zero” (“oltre lo zero”), logo che identifica un sub-brand che andrà a caratterizzare tutti i modelli futuri a batteria a emissioni zero. Ma perché “oltre lo zero”? Perché in Toyota promettono una guida più facile, intuitiva e anche divertente! Questa concept car dalle linee scolpite sarà la prima di una lunga serie di modelli della casa nipponica che andranno a forgiare l’offerta di una gamma green e che sarà formata da full-hybrid, plug-in e full-cell. Dicevo prima che stiamo parlando di una concept car, ma che in realtà tanto concept non è. Vi spiego il perché: i particolari della carrozzeria, gli innumerevoli dettagli già svelati, gli interni molto definiti, ma soprattutto il cockpit di ispirazione aeronautica danno proprio l’impressione di un’auto già definitiva e devo ammettere che si tratta proprio di una gran bella auto. Bella per diversi motivi, le linee decise creano una silhouette elegante ed equilibrata, i volumi sono netti, ma ben armonizzati fra loro, il tratto stilistico segue i più recenti modelli Toyota, dunque possiamo riconoscere in questa bZ4X una sorta di evoluzione che mantiene saldi i tratti del family feeling che tanto piace ai fan del brand. Gli interni sono spaziosi grazie alla piattaforma dedicata e-Tinga che garantisce un passo più lungo rispetto al modello RAV4, la casa dichiara uno spazio per le gambe di chi siede dietro esattamente come sulla berlina Lexus LS. Il cruscotto è il vero punto d’interesse dell’abitacolo poiché è totalmente progettato su misura intorno al pilota. Il volante, di chiara ispirazione aeronautica, è posto davanti ad una compatta strumentazione digitale che forma una visuale unica fra volante, strumentazione e strada, ma non solo, il volante elimina la connessione fisica tra volante e scatola guida grazie allo steer-by-wire, un sistema di guida fino ad oggi adottato solo sulla Tesla model S. Questo sistema garantisce una guida molto più precisa e si potranno affrontare le curve con un angolo inferiore facendo a meno della classica “corona intera”. Il sistema di trazione integrale sarà affiancato da un motore a batteria su ogni asse sviluppato in sinergia con la Subaru che negli anni ha sviluppato uno dei migliori sistemi 4×4 sul mercato. Per il momento è tutto, non è dato sapere altro, ma sono sicuro che a breve Toyota svelerà molto di più di questo futuro modello elettrico.

tratto da:

Milano 24orenews italiadagustare Giugno 2021Banner MI24 Giugno 2021

Roma 24orenews italiadagustare Giugno 2021
RM24 GIUGNO 2021 Cover

Articolo precedenteANFIA, FEDERAUTO e UNRAE: incentivi indispensabili per il 2021
Articolo successivoBella Ciao la canzone italiana che più ha risuonato nel mondo