24orenews Web E Magazine

MODA

 ALTAROMA AL VIA,

CURVY COUTURE TRA NUBI E INCERTEZZE

ROMA- La kermesse estiva di moda di Altaroma in programma da domani fino all’11 luglio 2011 nella capitale, si presenta adombrata da nubi e incertezze dovute ad un terremoto interno alla società. Ma sarà anche una tornata dove gli atelier stanno a loro volta rivoluzionando il concetto di eleganza femminile rilanciando una moda per donne vere, formose e femminili, se si considera che già la taglia 44 viene considerata morbida. Intanto, Altaroma al contrario «è più snella», visto che tutto il bailamme al suo interno è stato scatenato dalle decisione di qualche giorno fa della presidente della Regione Lazio (socio al 20% di Altaroma) Renata Polverini, di tagliare alla s.c.p.a. (gli altri soci sono la Camera di Commercio con il 50% di quote, il Comune con il 20% la Provincia con il 10%) la sua quota contributiva annuale, che va alle due manifestazioni di gennaio e luglio. Una decisione che ha comportato oggi le dimissioni del vicepresidente di Altaroma, Sandro Di Castro, che rappresentava dal 2007 la regione nella compagine societaria. Grande polverone quindi all’interno della società, presa d’atto della regione delle dimissioni di Di Castro e conferma del ritiro della quota di partecipazione da Altaroma. «Decisione assunta – spiegano dalla regione – perchè la Regione Lazio non è mai stata messa in condizione in quest’anno di partecipare in qualità di socio alle scelte strategiche della società e quindi senza la possibilità di avvalersi dei suoi rappresentanti all’interno dello stesso cda». Di Castro parla anche di «ricadute sull’immagine della moda romana che dà lavoro a migliaia di artigiani nel Lazio», e di «eventuali fughe di sponsor». Il sindaco Alemanno interviene chiedendo di porre uno stop alle polemiche e un tavolo di confronto tra i soci dopo le sfilate. Certo le premesse al nastro di partenza non sono delle migliori, ma la rassegna che comincia domani è costato mesi d’ impegno. Sarebbe un peccato non dar spazio alla moda che da domani dovrebbe essere il solo argomento ad occupare i titoli delle cronache. Così, scendono in campo gli atelier con le prime novità. Gattinoni che sfilerà domani sera al Macro di Testaccio nella Pelanda, punta sulla Curvy couture. In pedana,donne taglia 40, ma anche sofisticate lady curvy, rappresentati dalle curve voluttuose della top model morbida Tanya Gervasi. Curvy, Il lato glamour delle rotondità è il titolo del libro delle giornaliste di moda Daniela Fedi e Lucia Serlenga (Mondadori) che sancisce la fine della magrezza a tutti i costi. Le due autrici svelano segreti, astuzie e indirizzi per signore in carne, citando tra le altre Monica Bellucci, Beth Ditto e la regina del burlesque Dita Von Teese. Il libro sarà presentato domani in Camera di Commercio, assieme ad un altro volume tecnico: Parole di moda, dalla A di line dress a Zuava, di Michela Zio e Monica Camozzi. Donne morbide e sensuali ispirate alle figure femminili di Boldini e Renoir e ai colori di Monet, anche da Raffaella Curiel, che presenterà la sua ricercata collezione (ha unito anche cinque tessuti diversi e utilizzato preziosi ricami antichi) l’11 luglio a S.Spirito in Sassia. Sarli sfilerà l’8 luglio 2011 in piazza del Campidoglio con le sue proposte tra il Decò e l’optical anni Sessanta. Balestra chiuderà la kermesse l’11 al Teatro Villa Pamphilj. Domani sarà la volta anche della mostra Todo Modo, con le foto del maestro Mario Testino in mostra a Palazzo Ruspoli, e di Made in town n.2, con la presentazione del volume La donna su misura a Roma, 250 indirizzi a cura di Andrea Spezzigu e Pascal Gautrand. L’8 luglio toccherà ad A.I. Gallery con la moda e l’artigianato nelle gallerie d’arte del Ghetto e a Limited/Unlimited, a Palazzo della Civiltà all’Eur, con 42 giovani designer (tra questi Albino, Diego Dolcini, Delfina Delettrez, Isabella Tonchi, Rodolfo Paglialuca per Vionnet) con i loro pezzi unici ispirati alla cerimonia. Nello stesso ambito Re edition vede 8 designer ispirarsi ad altrettanti capi iconici di maison storiche. Da ricordare, infine il concorso per la ricerca di giovani talenti della moda Whòs on next? che si terrà il 9 luglio 2011, e le sfilate delle scuole e delle accademie, importanti fucine di giovani talenti della moda italiana.

 

 

Gianfranco Suma

 

 

Articolo precedenteTRENTINO ALTO ADIGE. TRENTO. CASTELLO BUONCONSIGLIO TRA LE MERAVIGLIE ITALIANE
Articolo successivoSICILIA. FIUMEFREDDO. MOHIEELDIN DIRIGE L’ORCHESTRA FILARMONICA DI PALERMO