Box doccia

Nel mondo del design e dell’arredamento per il bagno, la scelta del box doccia non è mai una decisione da prendere alla leggera. Oltre all’aspetto estetico, bisogna considerare numerosi fattori pratici che influenzano il comfort e l’usabilità del proprio spazio doccia. Da queste riflessioni dipende la scelta delle diverse tipologie di box doccia a disposizione sul mercato, in vari design e modelli di apertura, in diverse finiture e forme. Ma vediamo di seguito più nel dettaglio.

Tipi di box doccia

Quando si tratta di scegliere il box doccia perfetto, è essenziale evitare l’errore di precipitarsi dietro all’ultima tendenza vista su Internet o su una rivista di design. È fondamentale invece essere pratici e basare la decisione sulla funzionalità, sulle abitudini d’uso e sullo spazio disponibile. Inoltre, il tipo di posizionamento del tuo box doccia (a nicchia, ad angolo o a centro parete) influenzerà la scelta del sistema di chiusura delle ante. Vediamo i tre principali sistemi di chiusura delle ante del box doccia.

Anta a battente

L’anta battente funziona come una porta tradizionale, aprendosi verso l’interno o l’esterno del piatto doccia ed è particolarmente indicata per le cabine doccia di piccole dimensioni, soprattutto se posizionate a nicchia. L’anta battente massimizza lo spazio di apertura del box, garantendo un facile accesso e una pulizia agevole. Dal punto di vista estetico, è ideale per chi ama uno stile minimalista e moderno. Tuttavia, se scegli un’apertura verso l’esterno, assicurati che non ci siano ostacoli come sanitari o mobili nelle vicinanze, e considera la possibilità di gocce d’acqua sul pavimento quando l’anta è aperta.

Anta scorrevole

A differenza delle ante battenti, il sistema scorrevole è ideale per i bagni di dimensioni ridotte. Tuttavia, questa soluzione comporta l’ingombro dei pannelli scorrevoli e dei profili che limitano lo spazio di apertura. Pertanto, non è la scelta ottimale per cabine doccia piccole o quando si necessita di un facile accesso. Inoltre, la sovrapposizione delle ante e la presenza dei binari di scorrimento possono rendere più complesse e lunghe le operazioni di pulizia. Ti consigliamo questa opzione se prevedi di installarla in un bagno frequentemente utilizzato.

Anta a soffietto

L’anta a soffietto, conosciuta anche come anta a libro o pieghevole, si differenzia dagli altri sistemi poiché le ante si ripiegano su se stesse su un lato. Questo sistema di apertura può essere adattato a varie situazioni, sia per cabine doccia a nicchia che ad angolo, con aperture centrali o laterali, in base alle tue esigenze. Se hai uno spazio ristretto nel bagno, l’anta a soffietto è un’ottima scelta poiché elimina gli ingombri esterni, anche se riduce leggermente lo spazio d’ingresso nel box doccia.

Qual è il miglior vetro per un box doccia?

Quando si tratta di progettare o rinnovare un bagno, la scelta del tipo di chiusura box doccia è fondamentale, ma non dovremmo trascurare un elemento altrettanto importante: il vetro dei pannelli del box doccia. Ogni tipo di vetro offre caratteristiche diverse, e la tua scelta dovrebbe dipendere da diversi fattori, come l’estetica, la funzionalità e il budget a disposizione. Ecco un’analisi delle principali opzioni di vetro per box doccia disponibili sul mercato.

Vetri trasparenti

I vetri trasparenti sono la scelta più comune e solitamente la meno costosa. Questi vetri lasciano filtrare la luce all’interno del box doccia, creando una sensazione di maggiore ampiezza e profondità nel bagno. Tuttavia, è importante notare che i vetri trasparenti possono richiedere una pulizia più frequente per evitare la formazione di fastidiose macchie d’acqua e calcare. Fortunatamente, sul mercato esistono vetri per box doccia trattati con soluzioni anticalcare che semplificano la manutenzione.

Vetri satinati o fumé

I vetri satinati o fumé sono una scelta ideale se desideri maggiore privacy nella tua doccia. Questi vetri presentano una superficie non completamente liscia, il che impedisce a chiunque di vedere chiaramente all’interno della doccia.

Vetri serigrafati

I vetri serigrafati rappresentano una via di mezzo tra le soluzioni trasparenti e le opzioni satinati o fumé. Questi vetri presentano una fascia orizzontale non completamente liscia, che limita la visibilità all’interno del box doccia senza creare una totale opacità. Se desideri un aspetto unico per il tuo bagno e sei disposto a investire un po’ di più, i vetri serigrafati potrebbero essere la scelta giusta per te.

Sia che tu opti per il classico vetro trasparente, il discreto vetro satinato o fumé, o l’originale vetro serigrafato, assicurati di considerare attentamente le tue esigenze e preferenze prima di prendere una decisione. Un box doccia con il vetro giusto non solo aggiungerà stile al tuo bagno, ma renderà anche l’esperienza del bagno quotidiano più piacevole.

Articolo precedente“La ‘Macchina Crea Invenzioni’ di Alessandro Bolognini
Articolo successivoDal 24 novembre al 20 dicembre torna a Milano il “panettone sospeso”