Casa pompe di calore

Per ottenere la massima efficienza energetica, abbassare i costi operativi e le spese in bolletta e ridurre le emissioni nell’ambiente, sempre più persone stanno dotando la propria abitazione di pompe di calore.

Si tratta di una tecnologia efficiente e affidabile per il riscaldamento, ma anche il raffrescamento di casa e la produzione di acqua calda sanitaria, che dà diritto anche a incentivi fiscali importanti: detrazione del 50% grazie al Bonus ristrutturazione, del 65% tramite l’Ecobonus e del 70% con il Superbonus, ripartibile in 4 quote annuali e prevista in caso di condomini e singoli proprietari di edifici da 2 a 4 unità immobiliari e per un aumento di 2 classi dell’efficienza energetica dell’edificio.

Per ottenere il massimo risparmio energetico con un alto livello di comfort è possibile trovare la soluzione perfetta per la propria casa direttamente online, ad esempio acquistando le migliori pompe di calore su inGrado, ricevendo in modo rapido e comodo un preventivo completo, con garanzia, installazione e pratiche burocratiche incluse.

Come ottenere un uso più efficiente della pompa di calore

Perché una pompa di calore funzioni in modo ideale occorre innanzitutto avere un isolamento adeguato della propria abitazione, così da ridurre la dispersione di calore e il carico termico sul sistema e ottimizzare i consumi energetici. Molto importante anche regolare correttamente la pompa di calore (termoregolazione), andando cioè ad impostare una temperatura interna confortevole ma non eccessiva, a non modificare costantemente i parametri e ad avere una programmazione costante che tenga conto delle condizioni climatiche e dei vari momenti della giornata.

Anche la manutenzione regolare è fondamentale, in quanto permette di ottenere un funzionamento efficiente nel tempo. C’è poi il posizionamento della pompa di calore, che può influire significativamente sulle prestazioni: per le pompe di calore aria-aria, meglio sistemare l’unità esterna in un punto ben protetto e quella interna in una zona centrale della casa, in modo da garantire una distribuzione uniforme dell’aria riscaldata o raffreddata; per i modelli aria-acqua, l’unità interna può essere installata in un locale tecnico, vicino al punto di distribuzione dell’acqua calda, mentre per quelle acqua-acqua è bene avere l’unità esterna in prossimità della fonte di acqua sotterranea da cui prelevano il calore. Infine, con le pompe di calore geotermiche, è fondamentale installare un sistema di scambio termico sotterraneo e avere l’unità esterna nelle sue prossimità.

Se si vuole raggiungere un livello di efficienza massimo, si può abbinare la pompa di calore a un impianto fotovoltaico, per alimentarla con energia rinnovabile e ridurre i costi energetici.

Pompa di calore e caldaia a condensazione: i nuovi sistemi ibridi

Insieme alle pompe di calore, nelle abitazioni degli italiani si sta diffondendo una nuova soluzione, che prevede la combinazione di una caldaia a condensazione e una pompa di calore in un unico impianto, che prende il nome di sistema ibrido.

In questo modo, quando la temperatura esterna è bassa si sfrutta il combustibile fossile per generare calore, mentre in tutte le altre occasioni si utilizza l’elettricità per estrarre calore dall’ambiente esterno, ottimizzando l’uso delle diverse fonti di energia e ottenendo un comfort termico costante con consumi energetici ridotti.

Articolo precedenteArriva il qTest: un algoritmo innovativo per la salute
Articolo successivoÈ uscito il nuovo libro di Goffredo Palmerini “Ti racconto così”