coronavirus tra fake news e verita cina italia

Senza piano di preparazione per l’autunno-inverno si rischia ennesimo inseguimento del virus

Il monitoraggio della Fondazione GIMBE rileva, nella settimana 17-23 agosto 2022, un aumento dei nuovi casi dovuto al verosimile aumento della circolazione virale, oltre che al “rimbalzo” post ferragosto. In calo gli indicatori ospedalieri e stabili i decessi.

Sostanzialmente ferme le percentuali di chi ha ricevuto almeno una dose di vaccino e di chi ha completato il ciclo vaccinale. Sono 6,82 milioni i non vaccinati, di cui 1,31 milioni di guariti protetti solo temporaneamente. 7,63 milioni di persone non hanno ancora ricevuto la terza dose, di cui 2,56 milioni di guariti che non possono riceverla nell’immediato. Quarte dosi: somministrate solo 2,18 milioni di dosi.

Con l’arresto della discesa dei casi, una popolazione a rischio molto numerosa e senza un piano di preparazione per la stagione autunno-inverno si rischia di compromettere la salute e la vita delle persone più fragili.

Articolo precedenteSmart City, per l’Italia grandi opportunità
Articolo successivoMilano. Mauro Martino al MEET in “Mapping the NFT Revolution